Atrofia dell'endometrio: la norma nella menopausa, patologia che richiede un trattamento in età riproduttiva

L'atrofia dell'endometrio è la risposta del corpo a una condizione ipoestrogenica. Si manifesta con il diradamento dello strato interno dell'utero e la cessazione della sua crescita ciclica e del suo rifiuto. Questo di solito si verifica dopo la cessazione del sanguinamento mestruale regolare, cioè in menopausa.

Come sta andando?

Normalmente, i processi ciclici nella mucosa uterina (un aumento dello strato ghiandolare, la preparazione per l'impianto di una cellula uovo e quindi il rigetto dello strato funzionale e l'inizio delle mestruazioni) sono regolati dagli ormoni ovarici - estrogeno e progesterone. Questi cicli regolari delle ghiandole sessuali si verificano anche sotto l'influenza di segnali ormonali dalla ghiandola pituitaria attraverso l'ormone gonadotropico. La sua produzione, a sua volta, è regolata dal fattore di rilascio delle gonadotropine, prodotto in un'altra parte del cervello - la ghiandola pituitaria.

Durante la menopausa, la capacità di sopportare i bambini gradualmente svanisce. Come risultato di una diminuzione del livello di stimolazione ormonale, la crescita mensile dello strato ghiandolare cessa di verificarsi. Questo è uno dei motivi per cui è impossibile rimanere incinta dopo la menopausa.

Lo strato interno dell'utero senza l'effetto stimolante degli ormoni, gradualmente assottigliato. Si verifica l'atrofia delle ghiandole endometriali. Elementi di tessuto connettivo iniziano a prevalere. Non è accompagnato da sensazioni spiacevoli.

In alcuni casi, con un effetto medicinale o chirurgico sul sistema ormonale o con malattie degli organi genitali, si verifica una menopausa artificiale o precoce. Quindi l'atrofia dell'endometrio si sviluppa in età riproduttiva. Può essere sia temporaneo che irreversibile ed è accompagnato da sterilità.

Normalmente, il processo descritto inizia all'età di 45-47 anni e continua per circa 10 anni dopo la cessazione delle mestruazioni. Gli eventi atrofici ben marcati sono caratteristici delle donne anziane.

Lo sviluppo dell'atrofia legata all'età dell'endometrio

Nell'intervallo tra l'inizio dei primi sintomi della menopausa e il completamento di 2 anni dopo l'ultima mestruazione (cioè in perimenopausa), lo strato interno dell'utero perde gradualmente le sue proprietà funzionali.

Prima dell'inizio della menopausa, l'esame istologico del tessuto endometriale può comprendere i seguenti segni:

  • una combinazione di un endometrio non funzionante con lieve iperplasia ghiandolare, che si sviluppa sotto l'influenza di una piccola quantità di estrogeni;
  • la distribuzione delle ghiandole è irregolare, alcune sono formazioni rotonde - allargamenti cistici;
  • i nuclei epiteliali in alcune ghiandole sono organizzati in una fila, in alcuni - in parecchi;
  • in diverse aree è determinata dalla densità disuguale del tessuto principale - lo stroma.

Questi cambiamenti sono normali nelle donne in perimenopausa.

Dopo il completamento delle mestruazioni, l'epitelio transitorio viene prima determinato e quindi atrofico.

Caratteristiche dell'epitelio atrofico:

  • esteriormente, è quasi indistinguibile dallo strato basale, cioè non subisce cambiamenti ciclici;
  • lo stroma è denso, rugoso, ricco di fibre del tessuto connettivo e collagene;
  • contiene una piccola quantità di ghiandole, sono allineate in una fila con basso epitelio cilindrico;
  • ghiandole assomigliano tubuli con un lume stretto.

Lo sviluppo di un processo atrofico dipende dallo stato dell'endometrio prima della menopausa:

  1. Se durante l'ultimo ciclo sono state osservate fasi di proliferazione insufficiente (1a metà) o secrezione (2 ° semestre), si sviluppa una semplice atrofia dell'endometrio. Allo stesso tempo, a livello microscopico, ghiandole rare e allungate rivestite da un sottile epitelio e localizzate in una base fibrosa densa sono determinate nel tessuto.
  2. L'atrofia cistica dell'endometrio si sviluppa se prima di una diminuzione del livello di estrogeni, cioè prima dell'inizio della menopausa, c'erano processi proliferativi irregolari o iperplasia ghiandolare-cistica, cioè processi patologici nello strato interno dell'utero. Allo stesso tempo, le ghiandole ingrandite con pareti sottili sono rivestite con basso epitelio.
  3. In alcuni pazienti, i segni di degenerazione correlata all'età sono definiti: l'allargamento cistico delle ghiandole, i nuclei nell'epitelio sono disposti in più file, sono rugosi, non hanno processi di divisione. Nel tessuto stromale si manifestano cambiamenti fibrosi (fibrosi).

Quest'ultimo tipo di cambiamento è a volte scambiato per i segni di iperplasia ghiandolare che si verificano nei pazienti in postmenopausa.

Se le mestruazioni sono cessate da tempo e l'emorragia è ricomparsa, quando si esamina, invece di uno strato mucoso atrofizzato, si può trovare un epitelio con segni dell'influenza degli estrogeni su di esso. Questa condizione si verifica quando si sviluppano tumori ovarici o surrenali.

eziologia

L'atrofia dell'endometrio dell'utero si verifica per ragioni fisiologiche (naturali) e per varie malattie del sistema riproduttivo femminile.

Le cause naturali includono i cambiamenti legati all'età che portano alla menopausa.

I processi atrofici nella membrana mucosa dell'utero sono strettamente associati a un segno simile all'assenza delle mestruazioni. Pertanto, le cause e i fattori di rischio includono:

  • sottosviluppo delle gonadi;
  • tumori dell'ipofisi e dell'ipotalamo, che portano a una stimolazione insufficiente dello sviluppo dell'utero nelle ragazze e nelle ragazze;
  • malnutrizione, spreco;
  • stress severo, esercizio troppo intenso, grande perdita di proteine;
  • sindrome ovarica esaurita, ipoestrogenismo;
  • rimozione delle ovaie nei loro tumori maligni o inibizione della funzione dei farmaci;
  • endometrite cronica sullo sfondo di ripetuti aborti, curettage dell'utero.

Atrofia dell'endometrio medico

Per alcune malattie che comportano un'emorragia intensa, i medici provocano artificialmente questa condizione. Questi possono essere:

  • endometriosi severa;
  • fibromi;
  • cancro al seno;
  • operazioni pianificate sull'utero.

I ginecologi prescrivono farmaci che a vari livelli sopprimono l'effetto estrogenico sullo strato interno dell'utero. Allo stesso tempo, i processi atrofici si sviluppano in esso per qualche tempo. I principali gruppi di farmaci che causano la menopausa artificiale temporanea:

  • analoghi dell'ormone che rilascia la gonadotropina (Zoladex, Buserelin Depot, Diferelin, Lyukrin Depot, Eligard);
  • inibitori della produzione di ormoni gonadotropici (Danol);
  • progestogeni (Byzanna).

Farmaci che sopprimono l'effetto estrogenico sullo strato interno dell'utero

Di solito, dopo il completamento del trattamento nelle donne in età riproduttiva, la mucosa uterina viene ripristinata da sola o sotto l'influenza di agenti ormonali prescritti in aggiunta.

Un effetto interessante del farmaco anti-estrogeno Tamoxifene, che è prescritto a donne anziane con carcinoma mammario, nonché con carcinoma ovarico. Se usato molto spesso, lo spessore dell'endometrio aumenta paradossalmente, nonostante l'assenza di un effetto estrogenico stimolante. In questo momento, l'esame microscopico rivela atrofia cistica dello strato funzionale superiore e un aumento dello spessore dello strato profondo, cioè iperplasia stromale. È importante che in questo caso, nonostante l'aumento di M-Echo, il curettage di tali pazienti non sia mostrato, poiché esiste ancora un processo atrofico dell'endometrio e non la sua iperplasia.

Manifestazioni cliniche

I sintomi dell'atrofia dell'endometrio nelle donne in postmenopausa sono gli stessi indipendentemente dal fatto che la causa sia naturale o artificiale:

  • accorciamento della durata e diminuzione dell'intensità del sanguinamento mestruale, fino a localizzazione, ma regolare dimissione o mancanza di esso;
  • infertilità o aborto spontaneo;
  • con atrofia simultanea delle mucose della cervice, vagina, dolore durante il rapporto sessuale e sanguinamento da ferite sono possibili.

Il dolore per questa condizione è insolito. Questo è un processo non infiammatorio, non tumorale, non c'è contaminazione microbica o eccessiva afflusso di sangue.

Il dolore può verificarsi durante la formazione di aderenze intrauterine (sinechie) a seguito di un lungo ciclo di endometrite cronica atrofica.

Le adesioni nell'utero sono una delle principali complicanze derivanti dai processi atrofici della mucosa. Non possono manifestarsi clinicamente. Tuttavia, queste adesioni presentano un certo pericolo se i processi sono stati causati artificialmente, per la durata del trattamento di varie patologie ginecologiche. Dopo il ripristino del ciclo mestruale, non scompaiono e possono causare difficoltà con il concepimento. In questo caso, vengono sezionati durante l'esame isteroscopico.

diagnostica

La caratteristica principale è la riduzione del segno ecografico "M-echo", che riflette il suo spessore, inferiore a 5 mm. Se una donna ha un'età appropriata, non è pericolosa e non può essere curata. L'osservazione richiede solo una combinazione di atrofia dell'endometrio con sierometro - l'accumulo di liquido nell'utero. Una tale condizione può essere il primo segno di un'ulteriore patologia dello strato uterino interno.

Se i cambiamenti atrofici sono determinati nelle donne in età riproduttiva e non hanno una ragione apparente, è necessario un ulteriore esame:

  • esame ginecologico con valutazione dello stato della cervice, striscio di PAP;
  • esami del sangue per gonadotropina e ormoni sessuali;
  • se necessario - isteroscopia.

trattamento

L'atrofia dell'endometrio è trattata nelle donne in età riproduttiva. In altri casi, questa condizione non è pericolosa per la salute del paziente.

Le principali aree terapeutiche:

  • la creazione di un regime protettivo, nutrizione, eliminazione di carichi pesanti;
  • terapia vitaminica, tonico;
  • fisioterapia, terapia termale, bagni di fango e di radon in sanatori specializzati in ginecologia;
  • terapia ormonale: vengono utilizzati farmaci combinati estrogeno-progestinici, ripristinando i processi ormonali ciclici e stimolando così la formazione delle ghiandole endometriali;
  • dissezione isteroscopica della sinechia (aderenze) che impedisce il normale corso della gravidanza.

La terapia ormonale in corso di solito dura 3-4 cicli, dopo che i processi nell'utero sono stati ripristinati e la donna può rimanere incinta.

prevenzione

Per prevenire lo sviluppo dell'atrofia dell'endometrio in giovane età, è necessario:

  1. Mangia bene, non esaurirti con l'allenamento fisico o il digiuno.
  2. Evita l'aborto e le infezioni genitali.
  3. Follow-up regolare dal ginecologo.
  4. Accesso tempestivo a un medico quando cambia la natura del ciclo mestruale.

Come riconoscere l'atrofia della mucosa vaginale?

Il contenuto

Attualmente, l'atrofia della mucosa vaginale è considerata uno dei disturbi ginecologici più comuni che si verificano durante la menopausa. Questa malattia è associata a una carenza del cosiddetto estrogeno (ormoni sessuali). Di solito una carenza di questi ormoni si verifica dopo una donna ha una menopausa.

Gli esperti dicono che 7-10 anni dopo l'arresto delle mestruazioni, quasi il 50% di tutte le donne sviluppa vaginite, e dopo 10 anni e più tardi l'incidenza della malattia aumenta a circa il 73-75%.

Oggi i medici distinguono 2 tipi di vaginite atrofica:

  1. atrofia postmenopausale;
  2. vaginite, che è associata alla menopausa artificiale.

Le cause di questa malattia

L'atrofia vaginale si sviluppa per i seguenti motivi:

  1. A causa della debole produzione ovarica di un ormone chiamato estrogeno. Di regola, è associato alla menopausa. Inoltre, questa malattia può svilupparsi dopo il trattamento del cancro di un organo genitale. Nel tempo, i cambiamenti negativi portano all'assottigliamento del tessuto epiteliale genitale, all'intera mucosa della vulva e all'intera vagina. Così, ad ogni contrazione, lo spessore del tessuto diventa più fragile e sottile, subendo varie lesioni e vari tipi di irritazioni.
  2. A causa della diminuzione delle cellule della sostanza del glicogeno, è noto che è responsabile per l'equilibrio della microflora vaginale.
  3. A causa dell'umidità insufficiente e del flusso sanguigno debole al tessuto epiteliale.

Tutto ciò porta a cambiamenti morfologici nei tessuti e a molti cambiamenti funzionali negativi e fisiologici. Ad esempio:

  • secchezza della vagina e la sua umidità insufficiente;
  • diminuire la secrezione vaginale;
  • pH vaginale elevato che supera 5,0;
  • ridurre il tasso di lattobacilli vaginali e aumentare la cosiddetta flora gram-negativa;
  • infiammazione e sensazione di bruciore spiacevole;
  • al flusso sanguigno localizzato e prurito;
  • la comparsa di secrezioni vaginali più bianche e atipiche;
  • ipersensibilità all'attrito, nonché a carico meccanico eccessivo di tutte le pareti vaginali;
  • levigatura delle pieghe vaginali (a causa della riduzione del collagene nelle cellule).

Come riconoscere la malattia

L'atrofia della vagina è spesso completamente asintomatica. Tuttavia, i sintomi clinici più comuni della vaginite atrofica sono i seguenti:

  • Bruciore, secchezza eccessiva, forte prurito nella vagina.
  • Perdite vaginali sanguinolente irregolari.
  • Calvizie, che si osserva nella regione delle labbra, così come il pube.
  • Assottigliamento della mucosa vaginale.
  • Prolasso del muro vaginale.
  • Minzione aumentata per urinare.
  • Piegatura pronunciata di tutte le pareti vaginali.

Inoltre, in presenza di vaginite atrofica sulla mucosa della vagina, si osserva una quantità significativa di capillari sottili. Questo, a sua volta, provoca sanguinamento a qualsiasi contatto, che può verificarsi piuttosto rapidamente e facilmente.

Diagnosi della malattia

L'atrofia della mucosa vaginale coinvolge la diagnosi, che si basa sull'assunzione di test e sulla conduzione di numerosi studi.

Quindi, se sospetti questa malattia, il medico può prescrivere:

  1. Esame ginecologico Viene eseguito utilizzando uno specchio. La condizione della cervice, così come l'intera vagina, viene controllata.
  2. Esame colposcopico completo È necessario determinare il pH del contenuto nella vagina.
  3. Prendendo delle sbavature. I tamponi vengono prelevati dalla cervice e dalla mucosa vaginale per il cosiddetto esame citologico. Questa analisi è necessaria per escludere la presenza di qualsiasi patologia oncologica. Sono anche presi dei campioni per gli esami batteriologici batteriologici e completi.
  4. Esame ecografico Condotto se necessario.

L'atrofia vaginale ha caratteristiche di età:

  • Nelle donne anziane, nelle donne in postmenopausa, durante una carenza di estrogeni, il numero di lattobacilli diminuisce drasticamente, o dovrebbero essere completamente eliminati. Come risultato della scomparsa di tutti i lattobacilli, tutte le proprietà protettive sono significativamente indebolite, il che contribuisce alla penetrazione delle infezioni nella vagina.
  • Nelle donne anziane, l'esame vaginale può essere un po 'difficile a causa del restringimento dell'ingresso vaginale.
  • Al fine di eliminare la malignità del processo, i medici possono condurre ricerche in anestesia generale.

Complicazioni che possono verificarsi con vaginite atrofica avanzata

Per le donne in postmenopausa, quando, infatti, si verifica una vaginite atrofica, un rapporto specifico della dimensione della cervice e la dimensione del corpo dell'utero - circa 2/1 è considerato comune, che è simile al rapporto tra le dimensioni di questi organi nell'infanzia. Per questo motivo, ogni donna ha bisogno di prendersi cura di un trattamento tempestivo.

Altrimenti, sono possibili complicazioni significative:

  • L'utero e la cervice possono completamente atrofizzarsi.
  • Può iniziare l'ipossia progressiva delle pareti vaginali, che porta inevitabilmente alla comparsa di piccole ulcere.

La malattia è contagiosa? L'atrofia della vagina non viene trasmessa durante il rapporto sessuale, ma è una spiacevole conseguenza dei cambiamenti negativi nel corpo femminile, che sono associati principalmente a un livello ridotto di estrogeni.

Trattamento e prevenzione dell'atrofia della mucosa vaginale

Nel trattamento di questa malattia, i medici, di regola, usano diverse tecniche.

Terapia ormonale

La terapia ormonale è considerata il trattamento più efficace per l'atrofia vaginale. La terapia ormonale può essere selezionata solo da un ginecologo-endocrinologo.

Nel trattamento della malattia con l'aiuto di questa tecnica, i seguenti cambiamenti positivi sono evidenti:

  • reintegra la fornitura di ormoni estrogeni necessari per il corpo femminile che sono stati persi;
  • la microflora vaginale è ripristinata al livello che è caratteristico delle donne in età riproduttiva;
  • la circolazione del sangue nella parete vaginale è completamente normalizzata.

Di norma, il trattamento dell'atrofia della mucosa vaginale può richiedere 2-4 settimane.

Antibiotici (compresse e capsule)

Alcuni medici prescrivono antibiotici alle donne, tuttavia, il loro uso nell'atrofia della mucosa vaginale, secondo molti esperti, è irragionevole, poiché non vi è alcuna componente infettiva in questa malattia.

Supposte vaginali, unguenti e supposte

Per la normalizzazione della circolazione sanguigna e il completo ripristino della vagina e dell'epitelio della mucosa nella pratica moderna di curare l'atrofia della vagina, vengono prescritti farmaci destinati direttamente all'uso locale.

Pertanto, il trattamento dell'atrofia vaginale comporta un approccio integrato.

Misure preventive

  • Cerca di mangiare il più possibile i prodotti a base di latte fermentato.
  • Mangiare cibi meno salati, non abusare di cibi piccanti e moderare il consumo di alcol.
  • Prendere vitamine immunostimolanti.

Prodotti e cose per l'igiene:

  • Ottieni biancheria di qualità - dal tessuto di cotone e cambialo ogni giorno.
  • La doccia dovrebbe essere presa ogni mattina e sera.
  • È desiderabile lavarlo tre volte al giorno usando una soluzione debole di permanganato di potassio, così come tinture a base di erbe (per esempio, la tintura di salvia). Tali procedure dovrebbero essere eseguite non più di 4 giorni.

Trattamento di atrofia della mucosa vaginale con vari mezzi

Autore: Ekaterina Sibileva, ultima modifica il 04/09/2017

L'atrofia vaginale è un assottigliamento dell'epitelio vaginale ed è direttamente correlata a una diminuzione della concentrazione di estrogeni nel sangue prodotto dai follicoli ovarici. Questo disturbo ginecologico è una delle malattie più frequenti nelle donne anziane, ma le sue manifestazioni sono possibili nel periodo riproduttivo.

Gruppo di rischio: persone soggette alla malattia

L'atrofia vaginale è più comune in diversi gruppi di donne:

  • in uno stato di menopausa;
  • soffre di diabete;
  • avere una diagnosi di ipotiroidismo (disfunzione tiroidea);
  • radioterapia passata degli organi pelvici;
  • rimosse ovaie;
  • essendo portatori di virus dell'immunodeficienza umana.

Pertanto, la malattia colpisce le donne con processi metabolici compromessi. I medici attribuiscono l'alta incidenza della malattia all'aumento dell'aspettativa di vita e all'invecchiamento della popolazione del pianeta. Le statistiche affermano che l'atrofia della mucosa vaginale è esposta a quasi un terzo della popolazione femminile, poiché metà della vita del sesso più debole viene spesa in condizioni di squilibrio ormonale.

La malattia in una fase iniziale passa inosservata e non tutte le donne si rivolgono alla clinica ginecologica per il trattamento.

Che cosa causa l'atrofia della mucosa?

Il motivo principale: le ovaie producono una quantità insufficiente di estrogeni - un intero complesso di ormoni steroidei, tra cui estradiolo, estriolo ed estrone. Questo gruppo di ormoni influisce sulla preparazione del corpo femminile per una possibile gravidanza, l'inizio delle mestruazioni, e assicura anche la crescita dell'epitelio nella vagina ed è responsabile per l'apporto di sangue e la levigatura dei tessuti.

Man mano che l'epitelio cresce, il suo strato superiore muore, esfolia. Tali cellule contengono molto glicogeno e sono un mezzo nutritivo per i lattobacilli, i cosiddetti bastoncini vaginali di Doderlein, il cui prodotto vitale è l'acido lattico. Questa sostanza crea un ambiente acido nella vagina che protegge il corpo di una donna da tutti i tipi di infezioni.

C'è un'altra minaccia - colpit. In condizioni normali, l'equilibrio della microflora vaginale non è disturbato. Riducendo la produzione di estrogeni, il numero di bacilli vaginali diminuirà, il che porta all'attivazione di batteri condizionatamente patogeni, quali stafilococchi, streptococchi e funghi di lievito.

In ginecologia, vengono considerati i seguenti motivi per l'atrofia della mucosa:

  1. invecchiamento fisiologico, menopausa;
  2. disfunzione o rimozione delle ovaie, menopausa artificiale;
  3. recupero della funzione ovarica associata al parto e all'alimentazione;
  4. malattie endocrine;
  5. pesante stress psico-emotivo, shock.

I principali sintomi della malattia

Spesso la malattia è quasi asintomatica ed è determinata in una fase avanzata o in caso di infezione dopo diversi anni dall'insorgenza dei processi atrofici. Una donna viene dal ginecologo per curare la colpite atrofica, che è una conseguenza del diradamento dell'epitelio.

Tra i sintomi primari si possono osservare:

  1. disagio, dolore nella vagina, associato al diradamento delle mucose - manifestato in misura maggiore durante e dopo il rapporto sessuale;
  2. bruciore, secchezza vaginale;
  3. viaggi privati ​​in bagno, nonostante l'assenza di irregolarità nel lavoro del sistema urinario;
  4. scarica - "bianchi", mucopurulent, insanguinati - associati alla riproduzione di microrganismi patogeni, danno vascolare;
  5. mancanza di lubrificante durante il contatto sessuale o la sua quantità minima.

Durante un esame ginecologico, il medico annuncerà:

  • la presenza di emorragie sulla mucosa, i piccoli capillari sono chiaramente visibili;
  • scioltezza e piegamento dei tessuti vaginali;
  • rilassamento e omissione delle pareti vaginali.

Sintomi simili si verificano spesso dopo 5-10 anni di menopausa. Tuttavia, in alcuni casi, questa potrebbe essere un'infezione comune. Per capire cosa e come trattare, è necessario sottoporsi a una diagnosi più approfondita.

Diagnosi di atrofia della mucosa

Se si verifica almeno un sintomo, una donna dovrebbe andare dal medico. Il ginecologo prescriverà tutta una serie di studi, ma prima condurrà un esame di routine con l'aiuto di specchi per scoprire in che cosa si trova la mucosa. Quando questo ecchimosi, scarico atipico, il medico determinerà immediatamente. Ulteriore diagnostica comprenderà le seguenti azioni:

  1. Colposcopia - ricerca avanzata raccomandata usando sostanze chimiche, acido acetico, iodio per rilevare il glicogeno, adrenalina. È mostrato nel rilevamento della patologia concomitante della cervice.
  2. Campioni per acidità - in uno stato normale, l'ambiente della vagina è acido, tuttavia, diventa alcalino con la malattia.
  3. Tamponi - citologici (esame dei tessuti vaginali sulla composizione cellulare, citogramma consente di identificare una condizione benigna, che è atrofia) e batteriologico (con cui viene studiata la composizione della flora vaginale, si scopre quali batteri patogeni causano problemi, la presenza di leucociti, epitelio morto significa colpite).
  4. Bakposev - raccolta di scarico dall'uretra, dal canale cervicale e dalla vagina.
  5. La PCR è un nuovo metodo sensibile a vari tipi di virus, come il papillomavirus umano, l'herpes, ecc.
  6. L'esame ecografico viene eseguito per diagnosticare l'omissione delle pareti, con forme acute di coleite e sospette condizioni precancerose.

Metodi di trattamento dell'atrofia della mucosa vaginale

La terapia sostitutiva viene effettuata utilizzando ormoni orali (contenenti ormoni sintetici progesterone ed estradiolo, come Ovestin), supposte e creme (contenenti gestagens - progesterone sintetico). I medici prescrivono e preparano i fitoestrogeni, ma sono meno efficaci.

Il trattamento ormonale viene eseguito per diversi anni, ma il risultato stesso è evidente dopo un mese di utilizzo. Il medico curante registra i risultati nel processo di diagnosi, ma anche con un risultato positivo, vale la pena ricordare che l'atrofia è una manifestazione legata all'età e può ripetutamente ripresentarsi.

Le candele "Metiluracile" sono anche popolari tra le donne, stimolando la rigenerazione dei tessuti e aiutando a liberarsi della colpite.

Rimedi popolari

Nella medicina popolare, i bagni o la pulizia con calendula, cacciatore, rhodiola sono ampiamente usati. Un ottimo modo è quello di fare bagni di ginepro. Mostra le erbe delle tasse per la somministrazione orale (con menta, salvia - fonti di fitoestrogeni). L'effetto terapeutico della terapia ormonale varia, tutto dipende dalle caratteristiche individuali dell'organismo, dalle dimensioni dei vasi, dall'età della donna. Inoltre, le candele e le creme vengono trattate con pillole molto più veloci, ma hanno una durata breve - ecco perché la terapia ormonale viene eseguita in combinazione.

Si ritiene che il corpo femminile sia beneficamente colpito dalla cottura a vapore nel bagno: temperature elevate accelera il metabolismo, migliora la circolazione sanguigna. Il contrasto delle temperature - sfregare con la neve o nuotare nel buco del ghiaccio - contribuisce anche al miglioramento del corpo. Tuttavia, questo strumento non è disponibile per le donne con malattie cardiovascolari.

Emersi sullo sfondo del diradamento delle mucose colpite sono trattati con antibiotici, oltre a pomate, compresse vaginali (come "Terzhinan"), ecc. Trattamento popolare della colpite atrofica con rimedi popolari - usando il decotto di fiori di camomilla.

Suggerimenti per la prevenzione e il trattamento dell'atrofia della mucosa

Le donne con l'inizio della postmenopausa ignorano le raccomandazioni dei medici per la terapia ormonale, molti la considerano addirittura dannosa. Non correre la malattia e rimandare un viaggio al ginecologo. Il ricevimento di farmaci ormonali durante la menopausa, la terapia con fitoestrogeni e l'aderenza ad uno stile di vita sano aiuteranno a prevenire la malattia.

Qual è l'atrofia pericolosa dell'endometrio

Endometrio - membrana uterina mucosa. Consiste di cellule epiteliali e il rivestimento dello stroma, che contiene le ghiandole secretorie. L'epitelio è permeato da un numero significativo di capillari. Il suo spessore varia in base alle diverse fasi del ciclo e caratterizza le possibilità riproduttive. Normale in una donna, a seconda del periodo, è 0,2-1,8 cm. Un endometrio sano è una condizione indispensabile per il fissaggio dell'ovulo.

Atrofia dell'endometrio: assottigliamento dello strato mucoso dell'utero. Questo è un processo naturale nella fase pre-climax, con una diminuzione del livello di estrogeni, il recupero della mucosa rallenta e in seguito si arresta. Questo fenomeno in età riproduttiva è già una patologia causata da disturbi ormonali. Conduce alla sterilità, poiché l'ovulo fecondato non è in grado di fissarsi sul muro dell'utero.

Sintomi distintivi di atrofia associati a interruzioni del ciclo mestruale, fino alla completa scomparsa.

L'essenza della patologia

Lo strato ghiandolare mensile si ispessisce, facilitando l'impianto dell'ovulo. Se il concepimento non è venuto, viene rifiutato. Ciò è dovuto all'attività degli ormoni speciali della donna - estrogeni e progesterone.

Con lo sviluppo della menopausa, la loro sintesi diminuisce, la mucosa non viene aggiornata, si verifica un processo atrofico. Allo stesso tempo, il diradamento dello strato si verifica, diventa una tonalità pallida, attraverso la quale si vedono capillari e vasi espansi.

In giovane età, un cambiamento nel fondo ormonale nel corpo o l'assunzione di alcuni farmaci porta al culmine prematuro.

L'endometrio si presenta così:

  1. L'iperplasia ghiandolare dell'endometrio è poco sviluppata.
  2. Le ghiandole si trovano caoticamente, alcune trasformate in formazioni rotonde cistiche.
  3. I nuclei epiteliali sono distribuiti in modo non uniforme.
  4. La densità dei tessuti sta cambiando, c'è lo stroma (una rete tridimensionale caratteristica).
  • fallimento del ciclo mestruale;
  • bianchi scarsi nei giorni critici o in completa assenza;
  • infertilità, aborti all'inizio del primo trimestre;
  • sentimenti dolorosi durante il contatto sessuale;
  • dolore nell'addome inferiore.

Se i cambiamenti si manifestano prima del periodo del climaterio, per la donna viene diagnosticata una variante cistica dell'atrofia. Il sintomo principale della patologia è le ghiandole ingrandite. Allo stesso tempo, vengono rilevati sinechia e atrofia.

Synechia - proliferazione caotica del tessuto connettivo, aggravando la condizione. Questo porta alla rottura delle tube di Falloppio, l'inizio delle adesioni. C'è dolore, aggravato dalle mestruazioni, scariche scariche. Meno comune è l'amenorrea.

Gruppi di rischio

In età riproduttiva, l'endometrio atrofico è una conseguenza della lesione della mucosa durante le seguenti manipolazioni:

  • aborto sottovuoto, raschiamento, anche a scopo diagnostico;
  • eliminazione di polipi, cisti e altri tumori benigni;
  • installazione della Marina;
  • chirurgia sui tubi e / o sull'utero.

Il gruppo di rischio comprende le donne in cui si è verificato un calo dei livelli di estrogeni come parte dello squilibrio ormonale dopo le seguenti procedure:

  • rimozione delle ovaie;
  • la chemioterapia;
  • radioterapia;
  • terapia del cancro al seno con agenti contenenti ormoni.

Questa patologia è più comune nelle donne non partorite, così come nelle persone obese con diabete. Eccessivo stress fisico ed emotivo, improvvisa perdita di peso sullo sfondo delle diete e cattive abitudini come il fumo e l'alcolismo hanno un effetto negativo sulla salute.

Circa il 50% delle donne oltre i 45 anni presenta sintomi di atrofia correlata all'età: sensazioni spiacevoli durante il rapporto sessuale, secchezza e bruciore nella vagina, sanguinamento dopo il rapporto sessuale e un aumento della frequenza della minzione. Aumentano il rischio di malattie infettive del tratto genitale. La maggior parte di questi problemi può essere risolta scegliendo il miglior metodo di trattamento.

Il tipo di malattia dipende dallo stato della funzionalità dello strato endometrio prima del periodo climaterico.

Caratteristiche caratteristiche dell'epitelio atrofico:

  • non subisce cambiamenti durante i diversi periodi del ciclo;
  • stroma si restringe, compattato, contiene una maggiore quantità di fibre e collagene;
  • il numero di ghiandole diminuisce, sono disposte in uno strato sottile, acquistano la stessa altezza con l'epitelio cilindrico;
  • ghiandole in apparenza assomigliano tubuli con un lume sottile.

L'endometrio atrofico ha le seguenti varietà:

Il controllo è richiesto durante tutte le fasi della menopausa. La menopausa non è un motivo per rifiutarsi di sottoporsi a esami regolari, compreso un esame, un KLA, uno striscio, un'ecografia transvaginale eseguita dall'ugello attraverso la vagina, una radiografia delle tube / utero. Dopo aver ricevuto i risultati, il medico selezionerà un ciclo di trattamento se necessario.

semplice

Atrofia dell'endometrio: la reazione del corpo femminile ai cambiamenti dei livelli ormonali. Puoi parlarne se dopo il regolamento ci sono voluti almeno un anno. La stimolazione da parte degli ormoni è ridotta, la proliferazione mensile dello strato ghiandolare non si verifica, lo spessore della mucosa è ridotto.

Osservando lo strato dell'utero al microscopio nei tessuti, si può osservare una ghiandola allungata, uno strato epiteliale sottile. Con una menopausa completa, questo processo non è patologico.

cistica

Le ghiandole ingrandite sono rivestite con uno strato di epitelio cilindrico, di spessore minore. Il diradamento e l'infiammazione causati da una carenza di estrogeni in postmenopausa possono portare al rilascio di sangue di varia intensità.

Le donne con ipertensione sono particolarmente sensibili a questo.

È necessario scoprire la causa di questo fenomeno, poiché è spesso un segno del verificarsi di tumori benigni o di tumori maligni delle tube di Falloppio o della cervice. I tumori alle ovaie di solito si sviluppano nella fase post-menopausale. Se sono maligne, le ovaie vengono rimosse chirurgicamente.

Cambiamenti nell'endometrio durante la menopausa

Endometrite atrofica nella fase climaterica - la norma. Ma il fenomeno opposto - l'ispessimento dello strato - potrebbe essere un segno di patologia.

L'iperplasia endometriale è sempre un processo patologico, accompagnato dalla crescita dello strato mucoso dell'utero. Se il suo sviluppo non viene fermato, colpisce le fibre muscolari. Lo strato normalmente cresce a metà del ciclo e lascia il corpo con secrezioni se non ci fosse alcun concepimento.

Con lo sviluppo della menopausa, il processo di riproduzione cellulare è disturbato, lo strato basale cresce ulteriormente, non si verifica alcuna eliminazione fisiologica. C'è un fallimento nelle attività di molti sistemi, forse la malignità delle cellule dei tessuti.

Tipi di fenomeni iperplastici:

  1. Ghiandolare - le ghiandole situate nell'endometrio crescono e si deformano. Lo spessore allo stesso tempo aumenta il più possibile.
  2. Cistica - durante la crescita dello strato si sovrappone al foro nella ghiandola di uscita, si formano le cisti. Questo processo è molto pericoloso, in grado di provocare lo sviluppo dell'oncologia.
  3. Basale: un tipo piuttosto raro di malattia, lo strato interno penetra in profondità nell'utero.
  4. Focale (polipo) - la formazione di polipi, escrescenze sulla gamba.
  5. Atipico - causato da un brusco cambiamento inusuale delle cellule endometriali e dalla sua penetrazione in altri tessuti. Questa specie è molto pericolosa, spesso si trasforma in oncologia. Non c'è terapia, l'utero viene rimosso chirurgicamente.
  6. Combinato.

Il sintomo principale della malattia - sanguinamento o sanguinolenta leucorrea dalla vagina, indipendentemente dalla loro dimensione, durata e frequenza di insorgenza. Questo è accompagnato da debolezza, stanchezza, salti di pressione sanguigna, disabilità, mal di testa. È necessario visitare uno specialista due volte l'anno. Il medico esaminerà la sedia, farà strisci per la presenza di cellule atipiche e, se necessario, prescriverà la diagnostica strumentale.

Formazione ipoecogena nell'ovaia

Gli ultrasuoni possono rilevare molte patologie femminili nelle fasi iniziali. I tessuti con densità diverse danno un'immagine di un colore diverso sullo schermo del dispositivo.

La formazione ipoecogena è una parte di un organo che ha una densità acustica inferiore rispetto ai tessuti circostanti. Più spesso, queste sono cisti o tumori: cavità a pareti sottili piene di liquido. La cisti è raramente attaccata all'ovaio o si trova sul peduncolo.

Questa non è una diagnosi, l'educazione può essere:

  • cisti;
  • gonfiore;
  • cisti idatidea;
  • follicolo normale nella fase centrale del ciclo.

Quando si diagnostica un medico si imposta la dimensione, la struttura e i confini dell'inclusione. In una donna in fase fertile, la struttura delle ovaie è eterogenea, a differenza di chi è in menopausa.

Le cisti sono classificate in base al motivo della loro formazione:

  1. Follicolare: il follicolo è ingrandito, ha pareti sottili, è pieno di liquido. La superficie è liscia, diametro inferiore a 8 cm.
  2. La cisti del corpo giallo è una sfera con un diametro di circa 7 cm con una superficie liscia, riempita con un liquido giallo-rosso.
  3. L'endometrioide (cioccolato) è formato dalla mutazione di cellule endometriali. Ha pareti spesse piene di liquido marrone scuro. Questo tipo di patologia è una delle conseguenze dell'endometriosi. Il tessuto molle del rivestimento dell'utero e coaguli di sangue può portare alla formazione di cavità.
  4. Formazione dermo-benigna, di lunga durata con quasi nessun segno evidente.
  5. Mucinous: multicamera, incluso muco denso.

Le cisti ovariche possono crescere in grandi dimensioni, andare in una forma maligna. Se avverti dolore al basso ventre, alle secrezioni vaginali brune, al ciclo mestruale irregolare, devi sottoporti ad una visita medica.

Peculiarità durante la menopausa

Nell'attività ovarica in premenopausa inizia a svanire, il numero di uova fecondate diminuisce. A causa di una diminuzione del livello degli ormoni, il numero totale di follicoli diminuisce, mentre le uova non maturano completamente. I cambiamenti nello strato endometriale in diverse fasi del ciclo sono evidenti e perdono la capacità di crescere con le fluttuazioni del livello dell'ormone.

Lo sviluppo della menopausa (ultimo regolamento, dopo il quale la funzione riproduttiva si affievolisce definitivamente) è indicato dalla cessazione delle mestruazioni. L'utero mucosa è ridotto, caratterizzato da cambiamenti atrofici. Dopo aver fermato la mestruazione durante tutto l'anno, lo spessore dello strato endometriale in postmenopausa rimane costante.

La produzione di ormoni, attività ovarica e formazione di uova si fermano. Arriva la fase successiva nella vita di una donna - postmenopausa. Il corpo viene ricostruito, abituato a vivere in assenza di ormoni sessuali. L'endometrio diventa più sottile, il processo atrofico procede senza intoppi. Lo spessore è di circa 5 mm.

Se lo strato epiteliale continua a crescere, nonostante l'inizio della menopausa, stiamo parlando di iperplasia. Il verificarsi di sanguinamento o scarso scarico dalle grandi labbra è osservato con uno spessore superiore a 8 mm. Per molto tempo, la patologia non si manifesta, ma il processo sta progredendo, una formazione benigna può cambiare il suo carattere.

Atrofia durante la menopausa

Climax - un processo fisiologico naturale associato alla fine del periodo riproduttivo della vita di una donna. Inizialmente, la sintesi degli estrogeni diminuisce, il che influenza la regolarità e la natura delle mestruazioni.

Il livello di estrogeno è un fattore decisivo, che determina la condizione dell'epitelio della vagina e dell'utero. Il periodo della menopausa può durare fino a 10 anni, termina con la menopausa - l'ultima mestruazione. Puoi parlarne se non ci sono periodi per un anno o più.

Nella fase successiva, i cambiamenti ormonali terminano, le ovaie cessano la loro attività, il livello di estrogeni diminuisce al minimo.

Tutti i genitali cambiano aspetto:

  • l'utero è di dimensioni ridotte;
  • i nuclei nell'epitelio sono disposti in file, è corrugato, il processo di divisione è assente;
  • il tessuto stromale ha cambiamenti fibrosi;
  • il lume della cervice si riduce di dimensioni, il canale cervicale si restringe, può formare sinechie;
  • aumenta la secchezza vaginale, la superficie diventa più sottile;
  • la volta vaginale è debolmente espressa, non ci sono pieghe sulle pareti;
  • ci sono aree senza epitelio o aree sciolte con aderenze;
  • il sanguinamento è possibile;
  • il volume delle ghiandole mammarie cambia;
  • la quantità di peli pubici diminuisce.

La proliferazione del tessuto connettivo progredisce e raggiunge il massimo dopo lo sviluppo della menopausa.

Metodi di trattamento

La terapia dell'atrofia dell'endometrio è prescritta alle donne nella fase riproduttiva.

  1. Regime di risparmio, dieta sana, eliminazione di sforzi fisici eccessivi.
  2. Mezzi protesici.
  3. Fisioterapia, cure termali.
  4. Terapia ormonale Vengono usati farmaci o OC combinati, inclusi estrogeni e / o progesterone. L'accettazione di farmaci ormonali riduce al minimo il rischio di tumori. Il trattamento dura 2-4 mesi.
  5. Adesioni di dissezione isteroscopica.

La terapia ormonale è combinata con l'isteroscopia, con un approccio integrato, il recupero avviene in 3-4 mesi. La prognosi è generalmente favorevole, un trattamento adeguato aiuterà a ripristinare le funzioni riproduttive, ridurre il rischio di patologie ginecologiche.

Al fine di prevenire l'insorgenza prematura di tale patologia, è importante mangiare correttamente, evitare uno sforzo fisico pesante, prevenire l'aborto e visitare regolarmente un ginecologo. Il trattamento aiuta a prevenire gravi problemi ginecologici.

Cos'è l'atrofia della cervice

Atrofia dell'utero e della cervice nella maggior parte dei casi viene diagnosticata nelle donne in menopausa. Il risultato di questa patologia è la regressione del tessuto epiteliale. Tuttavia, anche le donne in età fertile non sono immuni dall'atrofia cervicale. La malattia può svilupparsi con deficit di estrogeni, dopo un intervento chirurgico sulla cervice, con patologie sistemiche del tessuto connettivo. Atrofia cervicale - uno dei fattori che causano infertilità femminile.

Caratteristica della malattia

Atrofia dell'utero - il progressivo assottigliamento dell'endometrio a causa di una diminuzione della sintesi degli estrogeni. Nel corpo femminile, questi ormoni ripristinano le cellule epiteliali della mucosa, contribuendo al normale funzionamento delle ghiandole.

Il rivestimento dell'utero diventa pallido e assottigliato in modo tale che i confini delle tube di Falloppio siano visibili. L'endometrio sottile è in grado di splendere attraverso le vene varicose nello strato muscolare dell'organo. Con la progressione della malattia, si formano le sinechie intrauterine.

Nell'atrofia uterina, vi è una significativa diminuzione delle dimensioni dell'organo riproduttivo a seguito dell'involuzione correlata all'età. L'utero è ridotto ai parametri dell'amigdala e durante un esame ginecologico il medico sonda solo la cervice. Durante la menopausa, il rapporto tra la dimensione del corpo dell'utero e il collo cambia, che corrisponde alle dimensioni dei bambini.

Per lo più si verificano cambiamenti atrofici durante la menopausa. La ridotta produzione di ormoni porta alla scomparsa della secrezione di muco, cambiamenti nella flora batterica. Il risultato è una riduzione graduale dello spessore dell'epitelio, che porta a irritazioni dei tessuti, lesioni.

Norme stabilite dello spessore endometriale in menopausa. La dimensione della mucosa è determinata dagli ultrasuoni.

Oltre alla menopausa, le cause dell'atrofia uterina sono:

  • menopausa indotta artificialmente dopo la rimozione delle ovaie;
  • chemioterapia per il cancro nel sistema riproduttivo femminile;
  • trattamento ormonale dei tumori al seno;
  • malattie endocrine;
  • fallimento del ciclo mestruale, amenorrea;
  • assunzione di farmaci anti-estrogeni (Tamoxifen, Danazolo);
  • uso a lungo termine di contraccettivi orali, antidepressivi.

Nelle giovani donne, la patologia rilevata indica la disfunzione delle ghiandole endocrine. L'atrofia della cervice si verifica in caso di infertilità primaria, insufficienza ovarica, fallimenti mestruali.

Nell'età adulta, molti del gentil sesso sono considerati superflui per visitare regolarmente un ginecologo. Sfortunatamente, in questi casi spesso si rivelano complicazioni significative:

  • completa atrofia del corpo dell'utero, cervice;
  • ipossia delle pareti vaginali, che provoca la formazione di ulcere.

I cambiamenti atrofici sono una spiacevole conseguenza dell'involuzione legata all'età del corpo di una donna, che è associata alla carenza di estrogeni.

Manifestazione e diagnosi

I fenomeni atrofici apportano cambiamenti significativi nel tessuto. Questo è espresso in sintomi come:

  • vagina secca a causa della mancanza di umidità;
  • aumentando il livello di pH, che riduce il numero di lattobacilli vaginali, provocando così prurito, bruciore;
  • scarico bianco o con strisce di sangue;
  • alta sensibilità della vagina, che porta all'irritazione;
  • minzione frequente per urinare.

Quando l'atrofia dell'utero ferma le mestruazioni. L'insufficienza ovarica è la norma per le donne dopo i 50 anni e non richiede trattamento. Tuttavia, se una ragazza non ha ciclo mestruale da più di sei mesi, ciò può essere dovuto a ereditarietà, stress o esaurimento ovarico. Ovviamente, in un contesto così malsano, l'atrofia uterina sta progredendo, potenzialmente causando infertilità. Dopo tutto, l'embrione non è in grado di attaccarsi alla mucosa atrofizzata.

Il ginecologo durante l'esame rivela la presenza di emorragie nell'endometrio, diagnostica la scioltezza dei tessuti, l'omissione delle pareti vaginali. Spesso questi sintomi compaiono dopo dieci anni di menopausa.
I seguenti metodi diagnostici sono utilizzati per determinare con precisione l'atrofia uterina:

  • colposcopia estesa;
  • striscio citologico e batteriologico;
  • testare l'acidità dell'ambiente;
  • Diagnostica della PCR;
  • bakposev;
  • studio ecografico.

La diagnosi si verifica dopo aver studiato i dati. I fenomeni atrofici non sono comuni in età riproduttiva. La maggior parte di questi cambiamenti sono diagnosticati nelle donne anziane.

Attività terapeutiche

Il processo naturale di assottigliamento dell'endometrio durante l'involuzione non richiede trattamento. Questa è l'inevitabile conseguenza dell'invecchiamento sano del corpo femminile. Vengono eliminati solo i sintomi spiacevoli che accompagnano la malattia.

Quando si osservano cambiamenti atrofici uterini nelle giovani donne, il trattamento è finalizzato a:

  • rigenerazione e restauro della mucosa;
  • normalizzazione dello stato dell'endometrio, frequenza del suo rinnovo;
  • rinnovo della funzione riproduttiva.

La terapia sostitutiva richiede farmaci ormonali che contengono estradiolo, progesterone. Inoltre, è necessario applicare creme, gel e supposte. Questi farmaci accelerano la rigenerazione dell'epitelio mucoso, contribuiscono al rinnovamento dell'endometrio, aumentano la produzione di collagene, stabilizzano la microflora vaginale. Inoltre, il medico può prescrivere fondi con fitoestrogeni.

L'uso di droghe efficacemente, ma spesso accompagnato da effetti collaterali. Mentre i fondi che vengono inseriti nella vagina, sono meglio percepiti dal corpo e rapidamente migliorano le condizioni. Il trattamento di solito dura non più di quattro mesi.

In combinazione con metodi di trattamento ormonale, vengono utilizzati interventi minimamente invasivi. Durante tali operazioni, il medico raschia l'endometrio patogeno, seziona le aderenze esistenti, cauterizza le lesioni distruttive.

Insieme ai metodi medici, è raccomandata la fitoterapia. Dovrebbe essere cosparso di camomilla, rhodiola, calendula, erba di San Giovanni. Soprattutto efficacemente bere le infusioni di erbe, che sono una fonte di fitoestrogeni: salvia, menta.

Una donna può sentirsi sicura visitando un ginecologo regolarmente. Ciò consentirà di monitorare lo stato del sistema riproduttivo, in particolare la cervice e in tempo utile per iniziare il trattamento necessario.

Atrofia dell'utero nelle donne in postmenopausa. Prevenzione dello sviluppo della malattia. Efficace collezione di erbe

Trattamento dell'atrofia vaginale a prezzi bassi nella ginecologia più moderna e ben attrezzata a Mosca!

I cambiamenti dell'età e del sistema endocrino nell'area degli organi genitali femminili sono fattori che provocano disagio e malattie di ogni giorno nella sfera intima. Il trattamento dell'atrofia della mucosa vaginale deve essere effettuato sotto la supervisione di uno specialista esperto con l'implementazione obbligatoria di tutte le raccomandazioni mediche.

Si stima che fino alla metà di tutte le donne che hanno dato alla luce un bambino possa avere un certo grado di prolasso. La diluizione e la rottura delle pareti vaginali diventa anche un problema per molte donne dopo il parto e con l'invecchiamento. Questo può portare alla perdita di soddisfazione sessuale e disagio. La causa spesso diminuisce il livello di estrogeni, dal momento che gli estrogeni avvantaggiano la vagina mantenendo le sue pareti umide, spesse e flessibili. Non c'è bisogno di vivere con questi scomodi cambiamenti.

Trattamento della dispareunia causata da atrofia vaginale: una revisione delle opzioni di trattamento utilizzando la terapia estrogenica vaginale. L'atrofia vulvovaginale e la secchezza sono sintomi comuni di una diminuzione della produzione endogena di estrogeni durante la menopausa e spesso portano a dispareunia. Gli obiettivi principali del trattamento dell'atrofia vaginale sono il miglioramento dei sintomi e il ripristino dei cambiamenti anatomici della vagina e della vulva. Le opzioni di trattamento per la dispareunia postmenopausale causata dall'atrofia vulvovaginale dipenderanno dall'eziologia sottostante e potrebbero includere un trattamento individualizzato.

Consiglia il capo della clinica, capo del dipartimento di ginecologia numero 2 del dottorato. Zhumanova Ekaterina Nikolaevna.

La consultazione primaria è gratis!

Assistenza medica altamente qualificata GRATIS secondo la politica OMS!

Si prega di notare che tutte le analisi fornite presso la Clinica devono essere originali o copie certificate.

Piante medicinali ed erbe usate nel trattamento della colpite: foto

Tutti loro hanno dimostrato di essere efficaci e spesso sono il trattamento preferito a causa dell'efficacia del bersaglio per i tessuti urogenitali, con il risultato che si ottiene solo un assorbimento sistemico minimo. Tuttavia, con il minimo sforzo per iniziare a parlare di questi problemi, gli operatori sanitari possono fornire informazioni utili ai loro pazienti in postmenopausa per aiutarli a scegliere il trattamento migliore per i loro bisogni e sintomi.

Parole chiave: dispareunia, atrofia vulvovaginale in post menopausa, terapia estrogenica vaginale. Molte di queste donne, che si aspettano di mantenere la loro salute e una buona qualità della vita durante i loro decenni dopo la menopausa, ritengono che la salute sessuale sia di fondamentale importanza. Sebbene le vampate di calore siano il sintomo più comune della menopausa e dell'invecchiamento, molte donne soffrono anche di una costellazione di sintomi vulvovaginali a seguito di una diminuzione degli estrogeni.

Cause dell'atrofia vaginale

Il diradamento della mucosa della vulva e della vagina con la formazione di cambiamenti atrofici si verifica nei seguenti casi:

  • menopausa in ritardo;
  • condizione dopo la rimozione delle ovaie (menopausa artificiale);
  • patologia endocrina (malattie della tiroide, diabete, tumori surrenali);
  • effetti del trattamento di un tumore maligno utilizzando la radioterapia e la chemioterapia.

È necessario distinguere la secchezza e l'atrofia vaginale della membrana mucosa: è molto più difficile salvare una donna da cambiamenti pronunciati nell'area degli organi genitali esterni associati a disturbi endocrini profondi piuttosto che affrontare una secchezza moderata dell'area vulvovaginale sullo sfondo di infiammazione o disturbo ormonale.

Inoltre, mentre è probabile che le vampate di calore scompaiano nel tempo, indipendentemente dall'uso della terapia con estrogeni, i sintomi vulvovaginali sono progressivi e difficilmente risolvibili senza trattamento. Si stima che tra il 10% e il 40% delle donne in post-menopausa provano disagio a causa dell'atrofia vulvovaginale che richiede un trattamento, ma solo il 25% di queste donne cerca un trattamento.

I cambiamenti atrofici vulvari e vaginali, insieme a secchezza e irritazione brucianti del rivestimento vaginale e vulvare, possono essere seri e debilitanti per influenzare non solo il comfort personale di una donna nelle sue attività quotidiane, ma anche la sua capacità di avere un rapporto piacevole e indolore. Circa il 40% delle donne con atrofia vaginale segnala dispareunia. La dispareunia è definita come dolore urogenitale persistente e ricorrente che si verifica prima, durante o dopo il rapporto sessuale.

Opzioni di trattamento

La selezione delle misure terapeutiche è individuale - in ogni caso, il medico della Clinica offrirà la migliore opzione di trattamento, assicurando il ripristino della mucosa per un lungo periodo. Le più efficaci sono le seguenti misure:

  1. Terapia ormonale sostitutiva generale o locale;
  2. Terapia laser;
  3. L'uso di preparati locali per la rigenerazione dei tessuti.

Uso ottimale di un approccio integrato nella scelta delle tattiche di trattamento. Una condizione importante per la terapia di successo è l'uso coerente e corretto di tutte le prescrizioni del medico.

Di conseguenza, queste donne sintomatiche che credono che la sessualità sia una componente importante della qualità percepita della vita non ottengono la qualità della vita che sperano e si aspettano. Il mantenimento della salute sessuale rientra nell'ambito dei professionisti medici, in particolare quelli specializzati in medicina riproduttiva. Secondo questo documento, gli operatori sanitari dovrebbero ricevere una formazione adeguata sulla sessualità umana: "Gli operatori sanitari specializzati in salute riproduttiva dovrebbero avere una formazione più avanzata nella sessualità umana rispetto a un medico generico".

Terapia ormonale sostitutiva

In assenza di una quantità sufficiente di ormoni estrogeni, senza farmaci speciali che ripristinano l'equilibrio endocrino, è indispensabile. Si consiglia di utilizzare farmaci topici (supposte vaginali, creme), ma secondo la testimonianza il medico può prescrivere una terapia sostitutiva generale.

Nonostante questo mandato, molti operatori sanitari non sono in grado di riconoscere e risolvere il problema di questi problemi medici e non valutano questi sintomi vulvovaginali nelle donne in postmenopausa. L'imbarazzo personale e i limiti di tempo sono spesso citati come cause comuni non per risolvere problemi sessuali. I loro pazienti continuano a soffrire degli effetti dolorosi dell'atrofia vulvare e vaginale e sperimentano il sesso doloroso. Inoltre, non sono a conoscenza delle procedure di riparazione disponibili e spesso sentono di dover sopportare un triste silenzio.

Tecnica laser

Effetto riparatore efficace può avere un effetto laser. Uno specialista esperto della Clinica nominerà un corso di laserterapia, MonaLisa Touch, che deve essere completato per intero. Se necessario, il medico ti consiglierà di ripetere la terapia del corso per ottenere l'effetto ottimale delle tecniche laser ad alta tecnologia.

Sintomi vulvaginali derivanti dalla diminuzione degli estrogeni endogeni

Quando la produzione endogena di estrogeni diminuisce a causa della menopausa causata da un intervento naturale o chirurgico, i tessuti possono diventare atrofici. L'estradiolo, la forma primaria di estrogeno prodotta dall'ovaia femminile durante i suoi anni riproduttivi, svolge un ruolo importante nel mantenimento dell'elasticità e della salute dei suoi tessuti genitali. L'abbassamento dei livelli aumenta la fragilità del tessuto e il rischio di infezioni vaginali e urinarie, irritazione, secchezza, dolore urogenitale e probabilità di lesioni del tessuto vaginale. La vulvovaginite atrofica è caratterizzata da una mucosa genitale che ha compromesso l'elasticità, ridotta umidità e integrità compromessa, così come eritema tissutale e infiammazione.

Effetto riducente locale

Un buon effetto aggiuntivo può avere una crema medicinale con un effetto rigenerante e rigenerante, che dovrà essere usato a lungo per eliminare l'effetto negativo dell'atrofia della mucosa vaginale.

Tintura di fiori di giglio

Non ci vuole molto per gli effetti della carenza di estrogeni in superficie, i sintomi si verificano spesso entro 12 mesi dopo la cessazione delle mestruazioni, o come conseguenza della menopausa naturale o chirurgica. L'atrofia associata a dispareunia è spesso associata a disfunzione sessuale e ad altri disturbi della disfunzione sessuale. Il desiderio ridotto reattivo è un effetto comune, così come un effetto diretto sulla relazione coniugale.

Oltre a ottenere una storia completa, compresa la storia medica generale, chirurgica, familiare, familiare, ginecologica e sessuale, è necessario completare un esame completo della vulva e della vagina nella regione pelvica. Questo esame può rivelare segni di atrofia vulvovaginale, come.

prevenzione

Il modo migliore per prevenire forme gravi di cambiamenti atrofici nell'area vulvovaginale è di mantenere uno stato ottimale degli organi genitali esterni con l'aiuto di una corretta alimentazione, igiene e mantenimento di una posizione di vita attiva. Inoltre, dovresti ascoltare l'opinione del medico e iniziare a prendere speciali farmaci anti-menopausali di origine vegetale. Nei casi difficili (menopausa artificiale), è necessario assumere farmaci che compensino la carenza di ormoni sessuali femminili. È importante visitare regolarmente il medico in tempo per notare le manifestazioni iniziali di atrofia della mucosa vaginale e iniziare la terapia in modo tempestivo.

Test di laboratorio possono anche indicare atrofia. Un test del pH vaginale superiore a pH 0 può essere un segno di deprivazione di estrogeni. Alcuni esperti nel campo della medicina sessuale sostengono l'aggiunta della vulvoscopia al lavoro diagnostico di una donna che soffre di un rapporto doloroso.

Le opzioni di trattamento per la dispareunia postmenopausale causata dall'atrofia vulvovaginale dipenderanno dall'eziologia sottostante e potrebbero includere un trattamento individualizzato delle condizioni infiammatorie, una migliore igiene della vulva, l'educazione e cambiamenti nello stile di vita. Molte volte le donne trovano questi prodotti inadeguati. Idratanti e lubrificanti possono contenere additivi, inclusi colori, aromi, battericidi e spermacidi, che possono influire sull'integrità dell'epitelio. È anche importante notare che nella nuova era della dose minima nel più breve tempo possibile per la terapia ormonale sistemica, le più nuove dosi più basse non escludono i sintomi vaginali atrofici.

Ostetrico-ginecologo, dottore di ricerca Zhumanova Ekaterina Nikolaevna.

La colite è una malattia cronica comune che viene diagnosticata in ogni altra donna anziana. Questa malattia si sviluppa durante la menopausa, caratterizzata da una combinazione di cambiamenti distrofici legati all'età e di fenomeni infiammatori nella vagina. La colpite atrofica (vaginite) riduce la qualità della vita di una donna, specialmente se non viene avvertita nelle fasi iniziali. È importante conoscere i segni della malattia, i metodi di diagnosi e i metodi di trattamento, in modo da non iniziare il processo.

Si stima che fino al 10% delle donne con ormoni sistemici più recenti con una dose inferiore soffrano di sintomi vaginali atrofici e possano utilizzare la terapia locale. Tuttavia, in alcune donne l'estrogeno sistemico esogeno può essere controindicato dal punto di vista medico, lasciando l'opzione più appropriata per il trattamento locale di estrogeni vaginali. In ambito sanitario, la scelta del paziente dipende spesso dall'influenza di altre persone. Ciò accade quando le informazioni vengono fornite ai pazienti da operatori sanitari, dipendenti o altri membri della famiglia che hanno la propria esperienza di trattamento e opinioni.

L'essenza della patologia

La colpite atrofica (vaginite) ha molti sinonimi che riflettono la sua essenza. Nella letteratura medica possono essere trovati termini come età, postmenopausa, senile, colpite senile (vaginite). La base della malattia è lo squilibrio ormonale della menopausa con una carenza di estrogeni progressivamente crescente. Ciò porta a cambiamenti atrofici nei tessuti degli organi genitali femminili, diradamento dell'epitelio vaginale. I cambiamenti degenerativi sono accompagnati da infiammazione e disturbi della microflora vaginale. Le donne hanno molte lamentele, la malattia diventa cronica, progredisce gradualmente e affronta gravi complicazioni.

Il processo decisionale è ulteriormente complicato dalle caratteristiche dei pazienti e dalla loro percezione del controllo sul piano di trattamento e dall'importanza di questo controllo per questo. Altri possono essere influenzati dai media, dall'opinione pubblica o dalla preoccupazione per la potenziale malignità. La soddisfazione con la soluzione è massimizzata quando si verifica un confronto tra la preferenza finale del paziente e il trattamento scelto. Pertanto, è importante fornire non solo i migliori metodi di trattamento disponibili, ma anche aiutare il paziente a fare la scelta migliore per le sue circostanze uniche.

La colpite atrofica si sviluppa in violazione dei livelli ormonali (una diminuzione della sintesi di estrogeni), contro cui l'epitelio delle pareti vaginali diventa più sottile e il numero di lattobacilli diminuisce

Vaginite atrofica. Come restituire la gioia dell'intimità: il video

La lubrificazione vaginale può essere un'opzione di trattamento per le donne che necessitano di una lubrificazione extra per evitare disagi, specialmente durante l'attività sessuale. Questi lubrificanti possono essere utilizzati esternamente sulle labbra o sul clitoride, nell'apertura vaginale o sul pene o altro oggetto di inserimento per facilitare l'inserimento. L'efficacia di questi tipi di prodotti può essere completata dall'aggiunta di idratanti intravaginali, che vengono inseriti nella vagina 1-2 volte a settimana per mantenere l'equilibrio vaginale e il pH bilanciati quotidianamente.

Eziologia e fasi della malattia

Il principale fattore che porta alla malattia è una diminuzione del livello di estrogeni nel sangue. Ciò può essere dovuto al naturale invecchiamento della donna o causato da un intervento medico (rimozione delle ovaie o la loro irradiazione dovuta a degenerazione maligna).

La conseguenza dello squilibrio ormonale non è solo la menopausa e l'estinzione della funzione riproduttiva, ma anche altri punti:

Altri li trovano irregolari, scomodi e costosi. I supplementi devono essere usati con cautela e le donne in postmenopausa devono prestare attenzione quando prendono in considerazione una sostanza idratante o lubrificante che contiene battericidi, spermicidi, riscaldatori o altri stimolanti; Questo può essere problematico per l'epitelio sensibile.

Terapia estrogenica vaginale minimamente assorbita

L'estrogeno vaginale è attualmente disponibile in diverse varietà. È stato anche dimostrato che una nuova dose più bassa di 10 μg è efficace nel trattamento dell'atrofia vaginale di un anello di silicato prolungato di 3 mesi, che contiene 2 mg di estradiolo micronizzato e 75 μg di estradiolo ogni 24 ore. Creme: crema di estradiolo, crema di estrogeni coniugati con formulazioni a basso dosaggio approvate di recente 5 g di crema estrogenica coniugata a due settimane per l'indicazione specifica di dispareunia moderata e grave. È stato dimostrato che tutte e tre le forme di estrogeni locali sono ugualmente efficaci nel ridurre i sintomi soggettivi dell'atrofia vaginale.

  1. Ridurre la capacità dell'epitelio vaginale di ripristinare, aggiornare e ridurre la secrezione delle ghiandole vaginali. Le mucose degli organi genitali diventano sottili, secche e facilmente danneggiabili.
  2. Il deterioramento dell'afflusso di sangue ai tessuti della vagina, e quindi le cellule delle membrane mucose e dei muscoli soffrono di carenza di nutrienti e ossigeno. Ciò porta ad una crescita compensativa della rete capillare. I piccoli vasi sanguigni appena formati sono poco funzionali. Si trovano superficialmente, le loro pareti sono facilmente ferite con la formazione di emorragie petecchiali.
  3. Cambiamento della microflora: i lactobacilli scompaiono, fornendo un ambiente acido delle secrezioni vaginali, che svolge un ruolo protettivo, che contribuisce alla riproduzione di microrganismi condizionatamente patogeni. Si sviluppa un'infiammazione asettica, si formano erosione e piccole ulcere.
  4. Aumentare quando il corpo invecchia, il sanguinamento delle pareti vaginali, la loro aridità e vulnerabilità, se non vi è alcun trattamento. L'immunità locale diminuisce bruscamente, quindi un'infezione secondaria spesso si unisce e si sviluppa la vaginite batterica.

I fattori predisponenti includono le malattie endocrine (malattie della tiroide, diabete mellito, adenoma pituitario), stati di immunodeficienza, carenze vitaminiche (principalmente mancanza di vitamine A, E, gruppo B). Svolge il ruolo di condizioni antigieniche, soprattutto in relazione all'igiene sessuale.

La maggior parte delle donne, compresa la menopausa e le donne con menopausa chirurgicamente indotta, sperimenterà sollievo dai sintomi di atrofia vaginale durante le prime settimane dopo l'inizio della terapia, anche se potrebbero essere necessarie fino a 4-6 settimane per ripristinare completamente l'integrità e il comfort dei genitali.

La revisione Cochrane delle varianti locali di estrogeni non ha rivelato differenze significative tra loro in termini di spessore endometriale, iperplasia o percentuale di eventi avversi. Il sanguinamento vaginale non diagnosticato deve essere completamente valutato e valutato. L'aggiunta di progesterone a una donna con un utero esclusivamente su prodotti estrogeni locali minimamente applicati rimane controversa.

Sintomi della malattia

La patologia ha una base ormonale, si sviluppa lentamente, a volte si manifesta dopo 3-5 anni dalla fine delle mestruazioni.

Secondo le statistiche, il primo sintomo che inizia a disturbare una donna con colpite atrofica è una sensazione di secchezza, crampi, prurito nella vagina e nella zona degli organi genitali esterni. Fenomeni aggravati dopo la minzione e lavaggio con l'uso di sapone o gel antibatterico con additivi sintetici aromatici.

Inoltre, il dolore nel basso addome di un indefinito, tirando la natura è preoccupante. Spesso irradiano (danno) alla regione lombosacrale, agli arti inferiori. Aumento dopo il sesso, defecazione, stanchezza fisica, stress, ipotermia o surriscaldamento.

Lo scarico dalla vagina all'inizio della malattia non è una natura abbondante, viscida, spesso mescolata con il sangue. Aumento dopo il contatto con la membrana mucosa (rapporti sessuali, esame da parte di un ginecologo) e durante esacerbazioni di malattie concomitanti della sfera ginecologica o di altri organi.

C'è un rapporto sessuale doloroso (dispareunia), dopo di che aumenta la secrezione sanguinolenta dalla vagina.

Ci sono pressioni per la minzione frequente, con la progressione del processo che si trasforma in incontinenza urinaria (soprattutto sullo sfondo di ipotermia, sovraccarico fisico, durante eccitazione e risate).

Diagnosi di coleite d'età

L'esame ginecologico consente di valutare visivamente i cambiamenti degenerativi e infiammatori nella vagina. Il grado della loro gravità dipende dalla durata della menopausa.

Se sono passati meno di cinque anni dal periodo mestruale, il ginecologo vede secchezza, assottigliamento delle pareti vaginali, aree di alterazioni infiammatorie con arrossamento e gonfiore delle mucose.

Alla menopausa più di 5 anni atrofia e infiammazione sono più pronunciati. Caratterizzato dalla presenza di erosione, piaghe, spesso contenenti placca purulenta. La rete capillare superficiale appena formata con aree di emorragia petecchiale è chiaramente visibile. Il sanguinamento da contatto avviene facilmente, anche dal lato della cervice. Un tipico fenomeno è l'omissione e la fusione delle pareti vaginali.

La colposcopia rivela la localizzazione del processo patologico e la natura del danno causato dalla vaginite.

Altri metodi diagnostici:

  1. Esame citologico In uno striscio vengono determinati un gran numero di leucociti, batteri condizionatamente patogeni, cellule epiteliali morte di diversi gradi di maturità. Lo scopo principale del sondaggio è eliminare la degenerazione maligna.
  2. Determinazione del pH del contenuto vaginale (pH-metria). Correla (interrelata) con il grado di carenza di estrogeni. Più basso è il contenuto di ormoni nel sangue, più pronunciato lo spostamento del pH al lato alcalino.
  3. Colposcopia (ricerca avanzata applicata). Rivela il pallore delle mucose della vagina, la presenza di una rete capillare superficiale con focolai di emorragie petecchiali. Ben visibili aree erosive, ulcerative e atrofiche.

È obbligatorio effettuare un'analisi generale e biochimica del sangue, PCR delle secrezioni cervicali, analisi delle urine. È necessario condurre un monitoraggio dinamico del livello di estrogeni nel sangue, specialmente quando si prescrive la terapia ormonale.

Sulla base dello studio, è possibile valutare la condizione dei tessuti epiteliali della cervice, la vagina, e anche di rivelare la presenza di cellule anormali.

Diagnostica differenziale

La colpite legata all'età deve essere distinta dalle seguenti malattie:

  • infezioni a trasmissione sessuale (tricomoniasi, clamidia e altri);
  • Oncologia della sfera riproduttiva.

Per escludere infezioni sessualmente trasmesse, viene utilizzata l'analisi microbiologica delle secrezioni vaginali (batterioscopia). Inoltre, questo metodo rileva il virus dell'herpes simplex e il papilloma umano.

Per visualizzare l'utero ed escludere il cancro, un'ecografia pelvica viene eseguita attraverso la parete addominale e utilizzando il metodo intravaginale.

Metodi di trattamento

La terapia per i cambiamenti legati all'età negli organi genitali femminili comporta l'uso di farmaci sistemici e locali. Vengono usati anche rimedi popolari.

Terapia farmacologica

L'uso di farmaci in varie forme aiuta ad eliminare gli spiacevoli sintomi della vaginite, inibisce sempre lo sviluppo della malattia e previene possibili complicazioni

  • ottimizzazione del background ormonale (in assenza di controindicazioni);
  • miglioramento del metabolismo e della microcircolazione nei tessuti vaginali;
  • distruzione di microflora patogena;
  • accelerare il recupero delle cellule vaginali e degli organi genitali esterni;
  • effetto antisettico;
  • normalizzazione di microflora intravaginale;
  • riduzione del sanguinamento delle pareti vaginali e della cervice a causa della cessazione della formazione di nuovi capillari.

Terapia ormonale

Poiché la causa delle alterazioni degenerative degli organi genitali mucosi nella menopausa è una forte diminuzione della concentrazione di estrogeni, è necessaria la terapia ormonale sostitutiva. Gli ormoni femminili per risultati ottimali dovrebbero essere usati per diversi anni in iniezioni, compresse o come cerotti. Questo ha un effetto sistemico sul corpo.

Ma l'uso di estrogeni sintetici, preparati a base di erbe simili agli estrogeni è permesso solo dopo un esame approfondito della donna. I farmaci hanno una serie di limiti gravi in ​​uso. Sono rigorosamente controindicati nelle seguenti condizioni:

  • tumori maligni del seno, utero e appendici o sospetto di essi;
  • sanguinamento vaginale di origine sconosciuta;
  • tromboembolismo (arterioso, venoso) nella storia;
  • esacerbazione di malattie croniche del fegato e dei reni;
  • anomalie patologiche significative nei risultati di campioni di fegato;
  • ipertensione grave;
  • stadio acuto e subacuto di infarto miocardico e ictus.

Con cautela e sotto controllo medico, gli estrogeni sintetici sono prescritti per il diabete mellito, l'uso sistematico di farmaci sulla base di Hypericum. Inoltre, la nomina di tali farmaci è limitata quando si usano ormoni corticosteroidi, l'uso a lungo termine di Teofillina.

Un sovradosaggio di estrogeni sintetici, oltre ai sintomi di intossicazione generale, è pericoloso per lo sviluppo di sanguinamento vaginale. Il trattamento è solo sintomatico

In presenza di controindicazioni per la nomina degli estrogeni nel trattamento dei processi tissutali distrofici, il ruolo principale spetta agli agenti non ormonali per l'uso intravaginale.

Preparazioni locali

Per combattere la disbatteriosi, i tappi vaginali di Acactact, che contengono batteri lattici acidofili vivi, si sono dimostrati efficaci. Il loro uso contribuisce alla distruzione della microflora patogena e al ripristino di un ambiente normale. Il chiaro vantaggio del farmaco è solo effetti locali - praticamente non viene assorbito nel sangue.

Per alleviare l'infiammazione, vengono utilizzate le compresse vaginali di Fluomysin. Hanno una vasta gamma di attività antimicrobica, ma questo antisettico non può essere usato in presenza di erosioni e ulcere nella vagina.

Inoltre, applicare la crema Gistan, si riferisce agli integratori alimentari. Realizzato sulla base di estratti di piante con attività anti-infiammatoria e di guarigione delle ferite - mughetto, boccioli di betulla, treno, lupino.

Quando la minzione aumenta, l'incontinenza urinaria e altri problemi con i reni, è necessario consultare un urologo, un nefrologo. Gli esperti prescriveranno un corso di uroseptikov, compreso tè alle erbe, fisioterapia.

fitoestrogeni

Queste sostanze possono essere ingerite dalle donne con il cibo. I ginecologi raccomandano un aumento obbligatorio del consumo di legumi, cereali, incluso riso e avena. È molto utile aggiungere alla dieta semi di lino, carote, mele e melograni.

Le supposte vaginali sulla base di calendula, olivello spinoso, tandem sono ampiamente utilizzate. Hanno un effetto anti-infiammatorio, curativo, stimolano l'immunità locale.

Cosa scegliere per il trattamento, per quanto tempo utilizzare questo o quel strumento dirà solo il ginecologo che si sta occupando. L'auto-trattamento è inaccettabile, in quanto può portare a complicazioni irreparabili.

Medicina popolare

L'uso di ricette popolari è una componente importante nel trattamento dei processi infiammatorio-distrofia postmenopausale. Ma la speranza di cambiamenti positivi nel quadro clinico, usando solo le erbe, non può essere. Rifiutando il farmaco e trascurando le raccomandazioni mediche, una donna può perdere tempo prezioso e iniziare il processo.

Le infusioni a base di erbe sono utilizzate per il lavaggio. Per fare questo, in quantità uguali (1 cucchiaino di cucchiaio) mescolare la calendula, la camomilla e l'erba di San Giovanni, versare 1 litro di acqua bollente e insistere per 12 ore. Quindi la composizione viene filtrata attraverso un doppio strato di garza sterile e utilizzata per lo scopo previsto al mattino o alla sera per 10 giorni. Se necessario, dopo 3 mesi, la procedura viene ripetuta. Le erbe hanno effetto antinfiammatorio, emostatico e disinfettante.

Il succo di aloe e l'olio di olivello spinoso hanno un buon effetto curativo sulle ferite. I tamponi imbevuti di queste soluzioni vengono inseriti nella vagina durante la notte.

Un impatto positivo è l'utilizzo di un decotto di Rhodiola Rosea. Richiede 1 cucchiaio. versare 300 ml di acqua calda in una radice secca sminuzzata, portare ad ebollizione e lasciar sobbollire per 8-12 minuti. Quindi lasciare riposare il brodo per 2 ore e filtrare. Prima della procedura, un bicchiere della soluzione preparata viene diluito in 0,5 litri di acqua bollita (calda). La siringa deve essere giornaliera prima di coricarsi per non più di due settimane.

Il ginecologo ti aiuterà a scegliere il metodo giusto di trattamento popolare e a determinarne la durata.

Effetto positivo delle erbe


L'erba di San Giovanni ha un effetto calmante, riduce bruciore e prurito nella vagina.

La calendula stimola la nutrizione della mucosa vaginale, accelera la rigenerazione dei tessuti e la cicatrizzazione delle ferite

La camomilla favorisce la produzione di ormoni femminili e allevia la condizione durante la menopausa

Prognosi del trattamento e possibili complicanze

Una colpite legata all'età è pericolosa non solo a causa di una diminuzione della qualità della vita, ma anche a causa delle sue complicazioni:

  • degenerazione dei tessuti maligni degli organi genitali;
  • vaginite sullo sfondo dell'adesione di un'infezione secondaria con secrezioni purulente e violazione delle condizioni generali;
  • la diffusione dell'infiammazione nell'utero e nelle ovaie;
  • sepsi.

Molto spesso, la colpite si ripresenta con un'immunità ridotta, la presenza di malattie extragenitali e nessun trattamento.

Con una diagnosi tempestiva e un'adeguata terapia farmacologica, la prognosi per la vita e la salute di una donna di qualsiasi età è favorevole. Al fine di prevenire lo sviluppo di colpite e la sua ricorrenza, è importante osservare alcune regole di vita.

Prevenzione della patologia

Prevenzione specifica include visite regolari al ginecologo e monitoraggio del livello di estrogeni nel sangue. Sullo sfondo della menopausa o di altre circostanze, gli ormoni diminuiscono. In questo caso, il ginecologo prescrive un'adeguata terapia ormonale sostitutiva.

La profilassi non specifica include le seguenti misure:

  • stile di vita sano;
  • corretta alimentazione equilibrata;
  • piena vita sessuale con sesso sicuro;
  • l'uso di biancheria intima realizzata con tessuti naturali;
  • rispetto delle regole dell'igiene intima e generale;
  • assumere farmaci ormonali solo sotto controllo medico;
  • esclusione di sovraccarico fisico, stress, ipotermia.

Tutti i sistemi del corpo sono soggetti a ristrutturazione per età. Nelle donne in postmenopausa, il campo ginecologico è molto vulnerabile. Quasi ogni donna ha un sacco di problemi in questo momento. La colpite atrofica è pericolosa a causa di frequenti recidive e degenerazione maligna. L'osservazione regolare da parte di un ginecologo, la diagnosi precoce dei cambiamenti ormonali e la nomina di una terapia adeguata aiuteranno una donna a sopravvivere in questo periodo difficile e restituire la gioia di una vita piena.