Farmaci contenenti acido nella pratica ginecologica

Le vitamine sono sostanze organiche che sono assolutamente necessarie per la vita e la salute del corpo umano e degli animali. Il corpo ha un grande bisogno di vitamine A del gruppo B, D, E, K, P e soprattutto C.

L'effetto di queste vitamine sul corpo umano non è stato studiato abbastanza. Si può pensare che le vitamine esercitino le loro complesse funzioni di stimolanti biologici in modo riflesso attraverso il sistema nervoso centrale; Allo stesso tempo, le vitamine, e soprattutto il gruppo B, sono necessarie per la normale funzione del sistema nervoso. Le vitamine sono principalmente somministrate con il cibo (esogenamente); ma alcuni di essi sono prodotti nel corpo stesso. Quindi, la vitamina A si forma nel fegato dal carotene, la vitamina D dal deidrocolesterolo nella pelle sotto l'azione dei raggi ultravioletti. In questo si vede lo stretto legame tra vitamine e ormoni. Esiste anche una relazione molto stretta tra vitamine ed enzimi, tra vitamine e mediatori come l'acetilcolina.

Possiamo supporre che vitamine, ormoni, enzimi e mediatori siano un unico sistema: i catalizzatori biologici. Le vitamine sono suddivise in solubili in acqua (gruppi B, C e P) e liposolubili (A, D, E e K). Le vitamine liposolubili sono termostabili, resistenti agli acidi e agli alcali e possono essere depositate nei tessuti.

Vitamina A. La vitamina A è ottenuta dal carotene del fegato sotto l'influenza dell'enzima carotenasi. La maggior quantità di vitamina A si trova nel fegato del pesce e nel carotene - nelle carote, nella rosa canina, negli spinaci, nelle albicocche. Il carotene si trova nel corpo giallo dell'ovaio, nella placenta, nella ghiandola pituitaria e specialmente nel fegato. La ghiandola tiroide con il suo ormone contribuisce alla conversione del carotene in vitamina A, che riduce l'azione della tiroxina. C'è una stretta relazione di vitamina A con il sistema diencefalogramma-pituitario.

La vitamina A gioca un ruolo importante nei processi di riproduzione. Il fabbisogno giornaliero di una persona sana per la vitamina A varia da 1,8 a 5 mg. Nell'uomo, l'ipovitaminosi A si manifesta principalmente nei disturbi dell'adattamento, dell'ereralopia ("cecità notturna"), poi nella xeroftalmia. È anche caratteristico dell'ipovitaminosi A, della cheratinizzazione della pelle, della sua secchezza e quindi della comparsa di placche ipercheratosiche.

L'ipovitaminosi A è talvolta associata a edema e albuminuria. Con l'introduzione della vitamina A aumenta la resistenza del corpo alle malattie infettive, in particolare a settico, mastite e così via. Viene anche prescritto per l'anemia dopo sanguinamento ginecologico prolungato sotto forma di compresse di vitamina A (10.000 - 25.000 ME). In caso di ulcere decubitali dovute a prolasso dell'utero e della vagina, viene somministrato con successo come tampone.

Vitamine del gruppo B. La vitamina B solubile in acqua appartiene al gruppo di sostanze con proprietà diverse. Vitamine attualmente studiate B1, B2, B6, B12 e alcune altre. La vitamina B si trova in semi di piante, crusca, lievito di birra, noci, tuorlo, fegato, reni, cervello e cuore.

La vitamina B1 (tiamina bromuro, tiamina cloruro) diminuisce l'attività della colinesterasi, aumentando la capacità dell'acetilcolina di stimolare la funzione contrattile dell'utero. Il contenuto di vitamina B1 nel sangue è 4-6%.

La prima manifestazione di ipovitaminosi B1 è una sensibilità alterata e anemia delle dita, parestesia; poi si osservano le convulsioni dei muscoli del polpaccio, i dolori alle ossa, ecc. L'aridità della pelle e l'ipercheratosi sono compagni quasi costanti di disturbi della sensibilità; spesso disturbi cardiaci, gonfiore o pastosità degli arti (questi ultimi sono spesso attribuiti alla tossicosi della gravidanza). Anoressia e stitichezza sono anche comuni.

Se viene stabilita una carenza di vitamina B1, è necessario il regime dietetico corretto, nonché il trattamento con appropriati preparati di vitamina B1 o prodotti ricchi di questa vitamina (lievito di birra).

La vitamina B1 è utilizzata in ginecologia per le seguenti indicazioni: malattie ginecologiche settiche, amenorrea, sanguinamento disfunzionale, menopausa, sanguinamento giovanile. Dosi per il bromuro di tiamina: 5-10 mg 1-2 volte al giorno. La vitamina B1 in combinazione con vitamina C e glucosio viene spesso prescritta a un paziente ginecologico indebolito (postoperatorio).

Vitamina B2. La vitamina B2 (riboflavina, lattoflavina) si trova nel latte, nelle uova e nel fegato; attualmente isolato in forma cristallina. Ben solubile in acqua. Il fabbisogno umano di riboflavina è di circa 3 mg al giorno. I sintomi clinici di ipovitaminosi da vitamina B in una persona consistono nell'apparizione di cheratite, glossite e cheilite (zaedy), che si trasforma in dermatite di una persona; in casi gravi di carenza di vitamina C, sono descritte colite ulcerosa e anossia.

Questa vitamina, che influenza i processi ossidativi, è importante per il normale flusso della menopausa e il periodo postoperatorio, la gravidanza e il parto, specialmente in soggetti con anossia.

La vitamina B12 stimola la formazione del sangue. Si trova nei reni e nel fegato degli erbivori. Disponibile in fiale da 1 ml; contiene 30, 100, 200, 500 e 1000 7 vitamine. Introdotto per via sottocutanea o intramuscolare una volta ogni due o tre giorni. La vitamina B12 è utile nell'anemia post-emorragica nei pazienti ginecologici (in particolare, fibromatosi) e nell'anemia nelle donne in gravidanza. Quando leucopenia e trombopenia dopo assunzione di vitamina B12, vi è un rapido aumento del numero di globuli bianchi e piastrine.

La vitamina PP (acido nicotinico, fattore antipellagico), utilizzata recentemente come potente strumento per il trattamento della pellagra, è necessaria per il corpo umano nella quantità di 30-50 mg. Ipercheratosi e iperpigmentazione dei gomiti e delle ginocchia, così come la cheilite, sono considerati sintomi clinici precoci di carenza di vitamina PP. Molto spesso il quadro clinico di ipovitaminosi PP si sovrappone ai fenomeni di ipovitaminosi B1. Nella pratica ginecologica, la vitamina PP viene talvolta utilizzata per il sanguinamento dell'eziologia infiammatoria.

Vitamina C. Acido ascorbico. Si trova in verdure, frutta, latte; soprattutto molto - nella rosa selvaggia. Il significato biologico della vitamina C è la sua ampia partecipazione ai processi redox nelle cellule.

La vitamina C si trova nell'ovaio e nell'utero. Sulla base di studi istologici, gli scienziati hanno scoperto che l'acido ascorbico si trova nel corpo luteo dell'ovaio, principalmente nelle cellule del tessuto connettivo della teca interna. Per quanto riguarda l'utero, l'acido ascorbico si trova nell'endometrio, principalmente nel tessuto connettivo dello stroma citogenico. Particolarmente ricco di cellule deciduali di vitamina C. La vitamina C si trova anche nel miometrio. C'è indubbi parallelismo tra la quantità di vitamina C e l'intensità della funzione ormonale dell'ovaio e dell'endometrio.

L'acido ascorbico promuove il passaggio dell'estrina all'estradiolo biologicamente attivo. Studi sperimentali hanno dimostrato che l'acido ascorbico inibisce l'attività contrattile dell'utero degli animali che sintetizzano l'acido ascorbico (ratti, gatti, conigli) ed eccita la motilità dell'utero nella vitamina C non sintetizzante (umana, scimmie e porcellino d'India).

La necessità di un adulto in acido ascorbico è di 50 mg al giorno. Il corpo di una donna incinta ha un aumentato bisogno di vitamina C.

Grazie al suo effetto positivo sulla funzione di formazione del sangue, sulla coagulazione del sangue, sulla riduzione della permeabilità capillare, l'acido ascorbico viene usato su larga scala non solo per le emorragie ostetriche, ma anche per quelle ginecologiche; disfunzionale, giovanile, climaterico, con trombopenia, nel periodo postoperatorio e con complicanze settiche. Le dosi di acido ascorbico con somministrazione endovenosa in casi gravi aumentano fino a 500 mg al giorno.

Vitamina D (Calciferol), una vitamina anti-ritmica.

La vitamina D è liposolubile. I più ricchi di vitamina D sono grassi animali - olio di pesce, tuorlo d'uovo, burro. Si deposita nel cervello, nei reni, nelle ghiandole surrenali, nel fegato, nella placenta. La vitamina D è un regolatore del metabolismo del calcio e del fosforo ed è necessaria per una persona per tutta la vita, specialmente durante la gravidanza e l'allattamento.

Le manifestazioni cliniche di ipovitaminosi D negli adulti sono osteomalacia, spasmofilia, tetania, carie dentale e rachitismo (nei bambini). La clinica di forme severe di osteomalacia gravide è conosciuta da molto tempo. Attualmente, l'osteomalacia non è stata osservata. Il fabbisogno giornaliero di vitamina D è 1000 UI per un adulto e 500-1000 UI per i bambini. Le dosi terapeutiche dovrebbero essere più alte. Il latte materno non contiene vitamina D.

La vitamina D viene talvolta prescritta a pazienti ginecologici con complicanze settiche, dopo aborti febbrili, ecc. Una dose di 10.000-20.000 UI per decorso. Il farmaco viene somministrato all'interno (gocce, confetto).

La vitamina D sotto forma di olio di pesce è prescritta per erosioni e colpitis (tamponi).

Vitamina E (tocoferolo). La vitamina E liposolubile è stata isolata dal germe di grano sotto forma di sostanze.

Studi sperimentali condotti negli ultimi due decenni hanno dimostrato che la carenza di vitamina E influisce negativamente sulla fertilità delle donne e dei maschi, senza disturbare le condizioni generali degli animali. La prescrizione di vitamina E alle donne in gravidanza per il trattamento degli aborti abituali è stata efficace. In ginecologia, è usato per l'infertilità, l'amenorrea, l'ipoplasia dell'utero. La vitamina E (olio di germe di grano) viene somministrata per via orale per 1 cucchiaino al giorno.

La vitamina K (antiemorragica) si trova nelle parti verdi delle piante (spinaci, cavoli, pomodori). Nelle piante c'è vitamina K1 nei prodotti di origine animale - K2. La vitamina K viene assorbita solo in presenza di bile nell'intestino. La K-avitaminosi negli adulti porta a una compromissione della coagulazione del sangue dovuta alla cessazione della produzione di protrombina da parte del fegato; in assenza di vitamina K, la permeabilità dei capillari aumenta, la sintesi non solo della protrombina, ma anche della trombotropina, necessaria per la coagulazione del sangue, viene interrotta.

In ginecologia, la vitamina K è utilizzata per varie emorragie uterine: giovanile, climaterica, per sanguinamento in pazienti con malattie infiammatorie e miomatose, nonché nella preparazione di pazienti per operazioni che possono essere accompagnate da sanguinamento.

Magnesio. Regola la conduzione degli impulsi nervosi, riduce il rischio di stress e depressione, migliora l'umore e normalizza il sonno. Produce un'efficace prevenzione dell'osteoporosi, ben nota alle donne dopo 40 anni. In gravidanza, la carenza di magnesio può portare a tono uterino, tensione nervosa eccessiva ed eccitabilità. Le donne che assumono farmaci ormonali combinati, in particolare contraccettivi orali, devono aumentare la dose giornaliera. Il magnesio ha un potente effetto sul corpo femminile ed è necessario per la salute, regola tutti i processi importanti: le mestruazioni, la sindrome premestruale, l'ovulazione tempestiva.

Acidi grassi Omega-3 e Omega-9. Aiutano ad assimilare le vitamine liposolubili più importanti come retinolo e tocoferolo. Aumentare il tono generale della pelle e dei muscoli, rafforzare il corpo, migliorare la funzione di fertilità. Produrre un'efficace prevenzione del cancro femminile associato all'endometrio e alla ghiandola mammaria. Impediscono lo sviluppo delle vene varicose, promuovono la perdita di peso e migliorano la forma fisica.

Zinco. L'elemento traccia aiuta attivamente ad assorbire le vitamine importanti, è coinvolto nella sintesi degli acidi nucleici, tra cui l'RNA e il DNA, ha un marcato effetto antiossidante. Necessario per la normalizzazione della funzione riproduttiva, la capacità di sopportare e generare figli. Durante la gravidanza, lo zinco regola la normale crescita del feto e previene eventuali ritardi dello sviluppo, partecipa a processi estrogeno-dipendenti, riduce il rischio di aborto spontaneo. Regola l'attività delle ghiandole sessuali, è responsabile della produzione di alcuni ormoni. Molto importante per il corretto funzionamento del ciclo mestruale.

Rame. Fornisce alle cellule ossigeno, è coinvolto nella sintesi di importanti enzimi e proteine ​​ed è responsabile della produzione di ormoni sessuali femminili. Durante la pianificazione della gravidanza, l'uso dell'indennità giornaliera di un oligoelemento aumenta le probabilità di una concezione favorevole. Con una carenza di rame, nelle ragazze della pubertà, c'è un ritardo nella pubertà, nelle donne adulte è ammesso il rischio di infertilità. La carenza di rame è spesso espressa in una diminuzione della libido o in una completa mancanza di desiderio sessuale. Il rame ha un effetto positivo sulla condizione della pelle e dei tessuti molli, rafforza la difesa immunitaria, ha un effetto antinfiammatorio, regola la funzione secretoria del corpo, anche nel tratto digestivo.

Raccomandazioni generali per la preparazione del menu per le malattie ginecologiche

Il ricevimento di cibi pesanti e di cibi grassi deve essere ridotto al minimo. Ma il numero di verdure e frutta, erbe nella dieta dovrebbe essere aumentato. Nel periodo iniziale di trattamento (40 giorni per le forme croniche) è bene andare a una dieta vegetariana.
La dieta dovrebbe essere ricca di fibre. La sua fonte può anche servire come verdura, frutta. Inoltre, è la crusca e il pane integrale. È meglio scegliere le varietà di segale e rifiutare completamente il pane nero per evitare il gonfiore.

I Kashi in quantità limitate possono essere usati tutti, ma è meglio farli bollire in uno stato semi-liquido.

Preferibilmente cibo in umido, bollito e alla griglia. Da fritto e affumicato dovrebbe essere abbandonato. Abbondantemente speziato con spezie, piatti speziati e salse può causare un aumento del dolore, l'aggravamento. Pertanto, si raccomanda anche di essere esclusi.

Per quanto riguarda le bevande, la preferenza è data a composte, bevande alla frutta, decotti di sanguinello e rosa canina, succhi naturali, tisane. I migliori dolci sono frutta e mousse di frutta fatta in casa, gelatine e gelatina. È fantastico se i dolci sostituiscono il miele e le miscele per rafforzare il sistema immunitario.

Ci sono meglio in piccole porzioni, ma 4-5 volte al giorno.

Acido ascorbico - descrizione, istruzioni, prezzi

Ricerca di farmaci - acido ascorbico in farmacia

Nome internazionale non proprietario Acido ascorbico

Nome latino della droga Acido ascorbico

Cos'è l'acido ascorbico?

L'acido ascorbico è un composto organico nutriente che deve essere presente nella dieta umana affinché l'osso e il tessuto connettivo funzionino normalmente. Lo stesso farmaco è un rimedio vitaminico, cioè la vitamina C.

Descrizione della forma di dosaggio

L'acido ascorbico è una polvere cristallina bianca acida. Il farmaco è disponibile sotto forma di compresse, confetti, sostanza in polvere, polvere per somministrazione orale, polvere per preparare una soluzione per somministrazione orale o sotto forma di soluzione per somministrazione endovenosa intramuscolare.

Azione farmacologica

L'acido ascorbico è coinvolto nella formazione di collagene all'interno delle cellule. A sua volta, è necessario rafforzare le pareti di capillari, ossa e denti. La sostanza è anche coinvolta nel metabolismo della tirosina e del ferro, nella sintesi di lipidi e proteine, nel processo di respirazione cellulare, nella conversione dell'acido folico in folinico. La vitamina C è necessaria per il metabolismo dei carboidrati, è coinvolta nelle reazioni redox.
L'acido ascorbico ha un effetto antiossidante e, essendo presente nel corpo nella giusta quantità, riduce la necessità di acido folico e pantotenico, vitamine E, A, B1 e B2. Il farmaco rafforza il sistema immunitario e aumenta la resistenza alle infezioni. La vitamina C rende l'assorbimento del ferro migliore, poiché contribuisce al deposito di questo elemento in forma ridotta.
In ginecologia, l'acido ascorbico viene inserito nella vagina per abbassare il pH. Il farmaco aiuta a ripristinare la microflora, inibisce la crescita dei batteri.

farmacocinetica

L'acido ascorbico è completamente assorbito dal tratto gastrointestinale ed è ampiamente distribuito in tutto il corpo. La concentrazione normale di una sostanza nel plasma varia tra 10 e 20 μg / ml. Inoltre, la concentrazione plasmatica ed eritrocitaria è inferiore a quella delle piastrine e dei leucociti. Il livello di legame alle proteine ​​plasmatiche raggiunge il 25%.
Durante l'ossidazione inversa dell'acido ascorbico, viene prodotto acido deidroascorbico, una parte del materiale di partenza viene convertita in acido ascorbico 2-solfato e acido ossalico. La prima connessione è inattiva, la seconda viene espulsa attraverso il sistema urinario.

farmacodinamica

L'acido ascorbico ha un effetto metabolico. Il farmaco è un regolatore del metabolismo dei carboidrati, reazioni redox, coagulazione del sangue. La vitamina C ha un buon effetto sul processo di rigenerazione dei tessuti, rafforza il sistema immunitario, è un partecipante alla sintesi degli ormoni steroidei, riduce la permeabilità vascolare. Per le malattie con febbre, l'acido ascorbico compensa il bisogno umano di vitamina C.

Indicazioni del farmaco

Il farmaco è prescritto per la prevenzione e il trattamento della carenza di vitamina, ipovitaminosi della vitamina C. L'acido ascorbico soddisfa la necessità di questa vitamina durante i periodi di crescita, quindi è prescritto alle donne in gravidanza e in allattamento. Inoltre, il farmaco è prescritto per l'affaticamento, i carichi aumentati, nel periodo di recupero dopo malattie protratte e nella stagione fredda, al fine di ridurre il rischio di infezione.
Quando vaginite e vaginosi batterica causata dalla flora anaerobica con un cambiamento del pH della vagina, l'acido ascorbico viene somministrato per via intravaginale per ripristinare la microflora modificata.

Controindicazioni

L'unica controindicazione è l'ipersensibilità al farmaco.

Utilizzare durante la gravidanza e l'allattamento

Le donne in gravidanza nel secondo e terzo trimestre dovrebbero ricevere giornalmente 60 mg di acido ascorbico. Il farmaco supera la barriera placentare. Quando lo si riceve è necessario tener conto che il feto è in grado di adattarsi a grandi dosi del farmaco, che può provocare la malattia ascorbica nel neonato come reazione al ritiro. A causa di questo effetto, alle donne incinte non vengono prescritte grandi dosi di acido ascorbico, tranne nei casi in cui il beneficio per la donna sia maggiore del rischio percepito per il feto.
Durante l'allattamento al seno, il fabbisogno corporeo di acido ascorbico è di 80 mg. La sostanza viene escreta con il latte. Allo stesso tempo, la dieta della madre, in cui l'acido ascorbico è fornito in quantità adeguata, è il modo migliore per prevenire la carenza di un bambino. Non è stabilito se esiste un rischio per il bambino se la madre supera la dose prescritta, ma teoricamente lo è. Pertanto, l'eccesso della dose giornaliera è prescritto solo nei casi in cui i benefici per una donna in allattamento siano maggiori del rischio atteso per il bambino.

Effetti collaterali del farmaco

Gli effetti collaterali dell'acido ascorbico sono registrati nei seguenti organi e sistemi:
• CNS: insonnia, mal di testa, sensazione di stanchezza.
• Gastrointestinale: nausea, crampi allo stomaco, vomito.
• Reazioni allergiche: le reazioni cutanee sono possibili e c'è qualche effetto sul sistema respiratorio, ma si verifica in casi isolati.
• Sistema urinario: iperossaluria e formazione di calcoli renali da ossalato di calcio durante l'assunzione del farmaco in grandi dosi.
• Il sistema riproduttivo: a livello intravaginale, può causare prurito, bruciore nella vagina, iperemia, gonfiore della vulva, aumento delle secrezioni.
• Altro: sensazione di calore.

overdose

La vitamina C è l'unica vitamina il cui sovradosaggio non è descritto. Quando la dose viene superata, il farmaco viene semplicemente escreto immodificato attraverso il sistema urinario, ciò si verifica quando si assumono più di 200 mg di acido ascorbico al giorno.

Dosaggio e somministrazione

Per la prevenzione del 25-75 mg di acido ascorbico prescritto al giorno. Quando il trattamento è prescritto da 250 mg e dividere l'intero volume in dosi.

Istruzioni speciali

L'acido ascorbico è stato prescritto con cautela in caso di urolitiasi, funzionalità renale compromessa e pazienti con iperossaluria. Poiché il farmaco migliora l'assorbimento del ferro, non è prescritto in dosi elevate a pazienti con emocromatosi, anemia sideroblastica, talassemia, leucemia, policitemia. Se il livello di ferro nel sangue è significativamente elevato, l'acido ascorbico viene prescritto in dosi minime. Con una carenza di glucosio-6-fosfato deidrogenasi, il farmaco viene assunto con cautela.
Un'alta dose di farmaci può causare anemia falciforme acuta. Esistono prove contrastanti che l'acido ascorbico ha un effetto diabetico. Pertanto, con l'uso prolungato del farmaco, si raccomanda di misurare periodicamente il livello di glucosio.
C'è motivo di credere che un paziente con un acido ascorbico tumorale ampiamente disseminato o proliferante possa aggravare il decorso della malattia. Pertanto, ai pazienti con un decorso progressivo del cancro deve essere prescritto il farmaco con estrema cautela.
Bevanda alcalina, verdura appena spremuta e succhi di frutta impediscono l'assorbimento dell'acido ascorbico durante l'assunzione. Pertanto, si raccomanda di evitare questi prodotti durante l'uso del medicinale.

Termini e condizioni di conservazione

L'acido ascorbico ha una durata di conservazione di 2 anni. Conservare in luogo asciutto e buio a temperature inferiori a 25 ° C.

Terapia vitaminica in ginecologia

Le vitamine sono sostanze organiche che sono assolutamente necessarie per la vita e la salute del corpo umano e degli animali. Il corpo ha un grande bisogno di vitamine A del gruppo B, D, E, K, P e soprattutto C.

L'effetto di queste vitamine sul corpo umano non è stato studiato abbastanza. Si può pensare che le vitamine esercitino le loro complesse funzioni di stimolanti biologici in modo riflesso attraverso il sistema nervoso centrale; Allo stesso tempo, le vitamine, e soprattutto il gruppo B, sono necessarie per la normale funzione del sistema nervoso. Le vitamine sono principalmente somministrate con il cibo (esogenamente); ma alcuni di essi sono prodotti nel corpo stesso. Quindi, la vitamina A si forma nel fegato dal carotene, la vitamina D dal deidrocolesterolo nella pelle sotto l'azione dei raggi ultravioletti. In questo si vede lo stretto legame tra vitamine e ormoni. Esiste anche una relazione molto stretta tra vitamine ed enzimi, tra vitamine e mediatori come l'acetilcolina.

Possiamo supporre che vitamine, ormoni, enzimi e mediatori siano un unico sistema: i catalizzatori biologici. Le vitamine sono suddivise in solubili in acqua (gruppi B, C e P) e liposolubili (A, D, E e K). Le vitamine liposolubili sono termostabili, resistenti agli acidi e agli alcali e possono essere depositate nei tessuti.

Vitamina A La vitamina A è ottenuta dal carotene del fegato sotto l'influenza dell'enzima carotenasi. La maggior quantità di vitamina A si trova nel fegato del pesce e nel carotene - nelle carote, nella rosa canina, negli spinaci, nelle albicocche. Il carotene si trova nel corpo giallo dell'ovaio, nella placenta, nella ghiandola pituitaria e specialmente nel fegato. La ghiandola tiroide con il suo ormone contribuisce alla conversione del carotene in vitamina A, che riduce l'azione della tiroxina. C'è una stretta relazione di vitamina A con il sistema diencefalogramma-pituitario.

La vitamina A gioca un ruolo importante nei processi di riproduzione. Il fabbisogno giornaliero di una persona sana per la vitamina A varia da 1,8 a 5 mg. Nell'uomo, l'ipovitaminosi A si manifesta principalmente nei disturbi dell'adattamento, dell'ereralopia ("cecità notturna"), poi nella xeroftalmia. È anche caratteristico dell'ipovitaminosi A, della cheratinizzazione della pelle, della sua secchezza e quindi della comparsa di placche ipercheratosiche.

L'ipovitaminosi A è talvolta associata a edema e albuminuria. Con l'introduzione della vitamina A aumenta la resistenza del corpo alle malattie infettive, in particolare a settico, mastite e così via. Viene anche prescritto per l'anemia dopo sanguinamento ginecologico prolungato sotto forma di compresse di vitamina A (10.000 - 25.000 ME). In caso di ulcere decubitali dovute a prolasso dell'utero e della vagina, viene somministrato con successo come tampone.

Vitamine del gruppo B. La vitamina B idrosolubile appartiene al gruppo di sostanze con proprietà diverse. Vitamine attualmente studiate B1, B2, B6, B12 e alcune altre. La vitamina B si trova in semi di piante, crusca, lievito di birra, noci, tuorlo, fegato, reni, cervello e cuore.

La vitamina B1 (tiamina bromuro, tiamina cloruro) diminuisce l'attività della colinesterasi, aumentando la capacità dell'acetilcolina di stimolare la funzione contrattile dell'utero. Il contenuto di vitamina B1 nel sangue è 4-6%.

La prima manifestazione di ipovitaminosi B1 è una sensibilità alterata e anemia delle dita, parestesia; poi si osservano le convulsioni dei muscoli del polpaccio, i dolori alle ossa, ecc. L'aridità della pelle e l'ipercheratosi sono compagni quasi costanti di disturbi della sensibilità; spesso disturbi cardiaci, gonfiore o pastosità degli arti (questi ultimi sono spesso attribuiti alla tossicosi della gravidanza). Anoressia e stitichezza sono anche comuni.

Se viene stabilita una carenza di vitamina B1, è necessario il regime dietetico corretto, nonché il trattamento con appropriati preparati di vitamina B1 o prodotti ricchi di questa vitamina (lievito di birra).

La vitamina B1 è utilizzata in ginecologia per le seguenti indicazioni: malattie ginecologiche settiche, amenorrea, sanguinamento disfunzionale, menopausa, sanguinamento giovanile. Dosi per il bromuro di tiamina: 5-10 mg 1-2 volte al giorno. Abbiamo ricevuto un buon effetto nel sanguinamento disfunzionale e giovanile da grandi dosi del farmaco (30-50 mg). La vitamina B1 in combinazione con vitamina C e glucosio viene spesso prescritta a un paziente ginecologico indebolito (postoperatorio).

Vitamina B2. La vitamina B2 (riboflavina, lattoflavina) si trova nel latte, nelle uova e nel fegato; attualmente isolato in forma cristallina. Ben solubile in acqua. Il fabbisogno umano di riboflavina è di circa 3 mg al giorno. I sintomi clinici di ipovitaminosi da vitamina B in una persona consistono nell'apparizione di cheratite, glossite e cheilite (zaedy), che si trasforma in dermatite di una persona; in casi gravi di carenza di vitamina C, sono descritte colite ulcerosa e anossia.

Questa vitamina, che influenza i processi ossidativi, è importante per il normale flusso della menopausa e il periodo postoperatorio, la gravidanza e il parto, specialmente in soggetti con anossia.

La vitamina B12 stimola la formazione del sangue. Si trova nei reni e nel fegato degli erbivori. Disponibile in fiale da 1 ml; contiene 30, 100, 200, 500 e 1000 7 vitamine. Introdotto per via sottocutanea o intramuscolare una volta ogni due o tre giorni. La vitamina B12 è utile nell'anemia post-emorragica nei pazienti ginecologici (in particolare, fibromatosi) e nell'anemia nelle donne in gravidanza. Quando leucopenia e trombopenia dopo assunzione di vitamina B12, vi è un rapido aumento del numero di globuli bianchi e piastrine.

La vitamina PP (acido nicotinico, fattore antipellagico), utilizzata recentemente come potente strumento per il trattamento della pellagra, è necessaria per il corpo umano nella quantità di 30-50 mg. Ipercheratosi e iperpigmentazione dei gomiti e delle ginocchia, così come la cheilite, sono considerati sintomi clinici precoci di carenza di vitamina PP. Molto spesso il quadro clinico di ipovitaminosi PP si sovrappone ai fenomeni di ipovitaminosi B1. Nella pratica ginecologica, la vitamina PP viene talvolta utilizzata per il sanguinamento dell'eziologia infiammatoria.

Vitamina C Acido ascorbico Si trova in verdure, frutta, latte; soprattutto molto - nella rosa selvaggia. Il significato biologico della vitamina C è la sua ampia partecipazione ai processi redox nelle cellule.

La vitamina C si trova nell'ovaio e nell'utero. Sulla base di studi istologici, A.I. Osyakina-Rozhdestvensky e altri hanno stabilito che l'acido ascorbico si trova nel corpo luteo dell'ovaio, principalmente nelle cellule del tessuto connettivo della teca interna. Per quanto riguarda l'utero, l'acido ascorbico si trova nell'endometrio, principalmente nel tessuto connettivo dello stroma citogenico. Particolarmente ricco di cellule deciduali di vitamina C. La vitamina C si trova anche nel miometrio. C'è indubbi parallelismo tra la quantità di vitamina C e l'intensità della funzione ormonale dell'ovaio e dell'endometrio.

A.P. Preobrazhensky e E.I. Quater credono che l'acido ascorbico contribuisca alla transizione dell'estrina all'estradiolo biologicamente attivo. I nostri studi sperimentali hanno dimostrato che l'acido ascorbico inibisce l'attività contrattile dell'utero degli animali che sintetizzano l'acido ascorbico (ratti, gatti, conigli) ed eccita la motilità dell'utero nella vitamina C non sintetizzante (umani, scimmie e porcellini d'India).

La necessità di un adulto in acido ascorbico è di 50 mg al giorno. Il corpo di una donna incinta ha un aumentato bisogno di vitamina C.

Grazie al suo effetto positivo sulla funzione di formazione del sangue, sulla coagulazione del sangue, sulla riduzione della permeabilità capillare, l'acido ascorbico viene usato su larga scala non solo per le emorragie ostetriche, ma anche per quelle ginecologiche; disfunzionale, giovanile, climaterico, con trombopenia, nel periodo postoperatorio e con complicanze settiche. Le dosi di acido ascorbico con somministrazione endovenosa in casi gravi aumentano fino a 500 mg al giorno.

Vitamina D (Calciferol), una vitamina anti-ritmica.

La vitamina D è liposolubile. I più ricchi di vitamina D sono grassi animali - olio di pesce, tuorlo d'uovo, burro. Si deposita nel cervello, nei reni, nelle ghiandole surrenali, nel fegato, nella placenta. La vitamina D è un regolatore del metabolismo del calcio e del fosforo ed è necessaria per una persona per tutta la vita, specialmente durante la gravidanza e l'allattamento.

Le manifestazioni cliniche di ipovitaminosi D negli adulti sono osteomalacia, spasmofilia, tetania, carie dentale e rachitismo (nei bambini). La clinica di forme severe di osteomalacia gravide è conosciuta da molto tempo. Attualmente, l'osteomalacia non è stata osservata. Ma durante la guerra, è stata descritta da G. M. Shpolyansky: "Malessere generale, denti fissili e dolore incerto nelle ossa" sono i sintomi di una malattia incipiente. In futuro - punti lobulari nella regione delle vertebre, sinfisi, ossa pubiche, convulsioni di adduttori, andatura "anatra".

Il fabbisogno giornaliero di vitamina D è 1000 UI per un adulto e 500-1000 UI per i bambini. Le dosi terapeutiche dovrebbero essere più alte. Il latte materno non contiene vitamina D.

La vitamina D viene talvolta prescritta a pazienti ginecologici con complicanze settiche, dopo aborti febbrili, ecc. Una dose di 10.000-20.000 UI per decorso. Il farmaco viene somministrato all'interno (gocce, confetto).

La vitamina D sotto forma di olio di pesce è prescritta per erosioni e colpitis (tamponi).

Vitamina E (tocoferolo). La vitamina E liposolubile è stata isolata dal germe di grano sotto forma di sostanze.

Studi sperimentali condotti negli ultimi due decenni hanno dimostrato che la carenza di vitamina E influisce negativamente sulla fertilità delle donne e dei maschi, senza disturbare le condizioni generali degli animali. La prescrizione di vitamina E alle donne in gravidanza per il trattamento degli aborti abituali è stata efficace. In ginecologia, è usato per l'infertilità, l'amenorrea, l'ipoplasia dell'utero. La vitamina E (olio di germe di grano) viene somministrata per via orale per 1 cucchiaino al giorno.

La vitamina K (antiemorragica) si trova nelle parti verdi delle piante (spinaci, cavoli, pomodori). Nelle piante c'è vitamina K1 nei prodotti animali - K2, Metinone, o vikasol idrosolubile e sincavite sono usati a scopo terapeutico. La vitamina K viene assorbita solo in presenza di bile nell'intestino. La K-avitaminosi negli adulti porta a una compromissione della coagulazione del sangue dovuta alla cessazione della produzione di protrombina da parte del fegato; in assenza di vitamina K, la permeabilità dei capillari aumenta, la sintesi non solo della protrombina, ma anche della trombotropina, necessaria per la coagulazione del sangue, viene interrotta.

In ginecologia, la vitamina K è utilizzata per varie emorragie uterine: giovanile, climaterica, per sanguinamento in pazienti con malattie infiammatorie e miomatose, nonché nella preparazione di pazienti per operazioni che possono essere accompagnate da sanguinamento.

Vikasol è prescritto per il ricevimento di 5-10 mg, dose giornaliera di 10-20 mg, assumere 3-4 giorni, dopo di che viene prescritto un intervallo di 4-5 giorni. Metinon viene somministrato in una dose di 0,01-0,015 g in una soluzione alcolica per 3-4 giorni, quindi una pausa. Con grave sanguinamento, entrambi i farmaci vengono somministrati per via intramuscolare.

Synkavit viene prescritto per via endovenosa anche in caso di forti emorragie.

Acido ascorbico durante le mestruazioni: i benefici e i danni

Sin dalla prima infanzia, sappiamo quanto sia utile l'ascorbico. Non molte persone pensano a come esattamente l'acido ascorbico può influenzare un processo così complesso nel corpo, come il ciclo mestruale di una donna. Il fatto è che questa sostanza è molto importante per i giorni critici. Il mensile non è sempre e non tutti vengono secondo il programma pianificato, spesso anche a causa della mancanza di motivi reali per la loro assenza.

Molti conducono un parallelo e confrontano l'acido ascorbico direttamente con la vitamina C idrosolubile. In parte è vero, l'acido ascorbico è uno dei componenti più importanti di questa vitamina.

La vitamina C è nota da tempo per le sue proprietà miracolose nella lotta contro il raffreddore. Ma questa è solo una piccola parte del fatto che la vitamina C può essere utile: prende parte alla rigenerazione e alla crescita delle cellule giovani negli organi, riduce significativamente i livelli di colesterolo, serve come ausiliario nell'assorbimento di calcio e ferro nel corpo. Partecipa alla formazione del sangue, alla produzione di cellule immunitarie e al collagene. Aumenta significativamente la tolleranza allo stress della persona.

Esistono due tipi di assunzione di vitamina C:

  • quando si assumono droghe sintetiche;
  • ingestione con il cibo.

Assorbito dal corpo, e lui e le altre specie allo stesso livello. La vitamina si trova nei cibi vegetali. Per arricchire il corpo, è necessario consumare più di questi tipi di verdure e frutta: pomodori, cipolle, peperoni, cavolfiori e cavoletti di Bruxelles, così come arance, pesche, kiwi, mele, cachi, ribes nero. È contenuto nelle erbe. Il suo più grande contenuto di menta, acetosa, ortica, prezzemolo, foglie di lampone.

Assunzione di vitamina C e le mestruazioni

L'effetto complessivo dell'acido ascorbico sul corpo provoca il suo effetto sulla funzione riproduttiva. Gli ormoni controllano l'intero processo e, per la loro produzione di una quantità sufficiente di essi, è necessario l'acido ascorbico.

Carenza e provoca guasti totali del sistema, ritardo delle mestruazioni e una tendenza alla durata del ciclo.

Il ritardo delle mestruazioni è uno dei motivi più frequenti per andare da un ginecologo. Le ragioni del fallimento possono servire a vari fattori. Alcuni di questi sono:

  • forte stress;
  • cambio di residenza;
  • disturbi nervosi;
  • esercizio eccessivo;
  • uso di contraccettivi ormonali;
  • infezioni sessualmente trasmesse;
  • l'infiammazione;
  • gonfiore;
  • aborto in modo naturale o chirurgico.

L'acido ascorbico è più spesso usato per le mestruazioni ritardate, ma in alcune circostanze può causare l'effetto opposto.

Come funziona l'acido ascorbico in questo processo

Come funziona l'acido ascorbico

Prendendo il farmaco in un dosaggio aumentato che supera il tasso giornaliero totale, inizia il processo di inibizione dell'ormone prostaglandina, che provoca le mestruazioni.

L'effetto si manifesta nei seguenti fattori:

  • Riduzione significativa della viscosità del sangue. Il sangue diventa troppo denso o sottile. La viscosità ritarda la rimozione della mucosa interna dell'utero, causando un ritardo dei giorni critici. Inoltre, pulisce il sangue dal colesterolo.
  • Ripristina l'equilibrio ormonale complessivo, lo riporta alla normalità. È direttamente coinvolto nello sviluppo dell'ormone follicolo-stimolante, responsabile del distacco dello strato superiore dell'utero. Livelli elevati di questo ormone inibiscono la produzione di ormoni progesterone ed estrogeni, causano l'arrivo delle mestruazioni.
  • Durante l'assunzione di vitamina C, il contenuto di vitamina E, che è responsabile della funzione riproduttiva, viene automaticamente aumentato.
  • Stabilizza i processi nervosi, allevia le eccessive tensioni emotive e l'eccessiva eccitabilità nervosa.
  • Allevia la sindrome premestruale, rimuove la sonnolenza, riduce il numero di eruzioni cutanee.

Come causare l'acido ascorbico mensile

Come causare l'acido ascorbico mensile

Se le mestruazioni sono ritardate per più di una settimana, viene escluso il momento del concepimento, l'assenza di varie infezioni e patologie ginecologiche, quindi in questo caso è necessario richiedere periodi.

Alcune signore cercano di fare manipolazioni a casa, mentre altre, al contrario, si rivolgono agli specialisti.

Il ricevimento dell'acido ascorbico varia normalmente da 50 a 100 mg al giorno. Per causare sanguinamento mestruale utilizzare diversi modi. Si basano sull'assunzione di dosi più elevate di acido ascorbico. Per l'inizio dei giorni critici, il dosaggio giornaliero è aumentato di 5 volte. Se dopo aver assunto una dose del farmaco, si aumenta ulteriormente, fino a 2 g. Si consiglia inoltre di utilizzare 2 limoni interi senza aggiungere zucchero.

Gli esperti prescrivono l'acido ascorbico non per chiamare il ciclo mestruale, ma per stabilire un ciclo. Il ricevimento di vitamina C o l'acido ascorbico è effettuato 3 volte al giorno per 2 targhe. A dosaggio non è possibile il danno al corpo, ma il ciclo delle mestruazioni migliorerà. Con un impatto lento, il processo gradualmente migliorerà e tornerà alla normalità entro pochi mesi.

È possibile utilizzare l'ascorbing per chiamare mensilmente

Askorbinka per chiamare mensilmente

Indubbiamente, è possibile, ma vale la pena ricordare che i preparati vitaminici non sono affatto innocui come potrebbe sembrare a prima vista e usarli in modo incontrollabile.

Esistono numerose controindicazioni in cui l'assunzione di dosi eccessive può portare a conseguenze impreviste e danni alla salute:

  • aumento dell'acidità dello stomaco;
  • diabete mellito;
  • problemi con il sistema escretore;
  • diminuzione dei livelli di emoglobina;
  • allergia.

Nei casi di cui sopra, un sovradosaggio di vitamina C può portare ad un aggravamento della malattia e causare danni irreparabili per la salute.

Non dimenticare che l'acido ascorbico non è una vitamina innocua, ma piuttosto una sostanza forte. Con la sua overdose nel corpo può verificarsi un gran numero di fenomeni negativi. Non possono apparire immediatamente, ma si mostrano in futuro:

  • lo sviluppo della gastrite;
  • ulcera peptica;
  • alto contenuto di acido provoca lo sviluppo di urolitiasi;
  • disturbi emorragici;
  • diminuzione del numero di leucociti;
  • carenza di vitamina B;
  • rottura del pancreas.

Un ciclo mestruale così indotto con acido ascorbico può essere utilizzato in casi estremi e una volta, quando necessario. Se i fallimenti del ciclo mestruale sono diventati permanenti, la soluzione migliore sarebbe quella di consultare uno specialista, un ginecologo, per identificare la causa delle violazioni e non auto-medicare.

La terapia vitaminica in ginecologia - "Io sono in salute!"

Nonostante il fatto che le vitamine siano sostanze biologicamente attive, e siano necessarie in piccole quantità, sono indispensabili per il corpo, perché partecipare al metabolismo come catalizzatori e bioregolatori. Tuttavia, non sono sintetizzati nel corpo umano (ad eccezione della vitamina B1). Pertanto, è così importante che la dieta sia arricchita con vitamine in quantità sufficiente.

Inoltre, fornire al corpo tutti i nutrienti necessari dipende dalla capacità del corpo di assorbire, trasportare e convertirli in forme attive. Alcune vitamine, come D e C, possono essere prodotte in quantità sufficiente dalla microflora intestinale, ma con la disbatteriosi, questa sintesi è compromessa, così come l'assorbimento delle vitamine dall'esterno. La mancanza di specifiche proteine ​​di trasporto o di enzimi coinvolti nella conversione può portare a una diminuzione o alla completa perdita dell'effetto biologico di una particolare vitamina.

L'effetto delle vitamine sul corpo è vario. Di seguito è riportata una tabella delle azioni di alcuni di essi.

Inoltre, è dimostrato che alcune vitamine influenzano direttamente la funzione del sistema riproduttivo. Ad esempio, vitamine B1, il2, il6, E, l'acido folico possiede azione gonadotropica e partecipa allo scambio di estrogeni. Vitamine C, E, A, B6 migliorare il coordinamento nel sistema riproduttivo

Attualmente esiste un'enorme quantità di preparati multivitaminici, ciascuno dei quali, secondo i produttori, contiene una dose giornaliera di tutte le vitamine necessarie.

Tabella 2. Il contenuto di vitamine nei preparati multivitaminici

Tabella 3. Fabbisogno giornaliero raccomandato di vitamine (Goodman Gilman "The pharmacological Basis of Therapeutics" Eight Edition, vol. 2, 2002)

Durante la gravidanza e l'allattamento, questa necessità aumenta di quasi una volta e mezza (ad eccezione della vitamina A, a causa del possibile effetto tossico sul feto). Di seguito sono riportati i dati dell'Organizzazione Mondiale della Sanità sulla necessità quotidiana di vitamine per le donne in gravidanza e in allattamento.

È anche importante notare che alcune vitamine sono incompatibili tra loro e non possono essere assunte contemporaneamente.

Per la maggior parte, questo si riferisce al gruppo di vitamine che non sono combinate tra loro. Ad esempio, la vitamina B6 riduce l'attività della vitamina B1 e la vitamina B12 aumenta il suo effetto allergenico.

Alcune vitamine, al contrario, rafforzano le azioni l'una dell'altra, quindi la loro combinazione agisce più favorevolmente sul corpo.

Il complesso di vitamine A, C, E potenzia l'effetto antiossidante l'uno dell'altro e la vitamina B12 in combinazione con acido folico e ferro migliora la formazione del sangue. Non dimenticare gli oligoelementi contenuti nei complessi multivitaminici, che richiedono anche una certa modalità di assunzione (è preferibile assumere iodio al mattino, calcio e fosforo nel pomeriggio).

Vitamina per le malattie genitali femminili (endometriosi, mioma uterino, iperplasia endometriale)

Nel periodo postoperatorio, la questione della prevenzione di queste malattie è una questione abbastanza comune per i pazienti. Il metodo chirurgico (laparoscopia) consente solo di rimuovere il processo, ma non lo previene.

Recentemente, si ritiene che uno dei meccanismi per la formazione delle malattie proliferative della sfera genitale femminile sia la compromissione della microcircolazione nei tessuti interessati e, di conseguenza, il deterioramento dei processi redox, l'aumento della perossidazione delle membrane cellulari e il rilascio di ammine biogeniche.

Pertanto, i mezzi per eliminare questi effetti, vale a dire influenzando il sistema antiossidante, svolgono un ruolo significativo nella prevenzione di queste malattie.

La terapia vitaminica migliora l'effetto del trattamento chirurgico e fa parte di una terapia complessa eseguita dopo l'operazione. È ampiamente usata la vitamina A, la vitamina B1, la vitamina Wb e l'acido ascorbico, che è associato alla loro elevata attività antiossidante.

Terapia vitaminica ciclica per disturbi mestruali

La funzione mestruale è un indicatore della salute riproduttiva di una donna e la violazione di questa funzione, tra le altre ragioni, si manifesta nella carenza di vitamine, che è particolarmente pronunciata durante l'adolescenza durante un periodo di crescita intensa.

Poiché gli effetti gonadotropici ed estrogeni di alcune vitamine sono ben noti, essi sono usati come terapia non ormonale per ripristinare il ciclo mestruale ovulatorio negli adolescenti e nelle donne che si sottopongono a un intervento chirurgico alle ovaie (compresa la laparoscopia), come trattamento postoperatorio completo.

Poiché le vitamine vengono assunte secondo un programma specifico a seconda del giorno del ciclo, tale terapia è detta ciclica. Ci sono una varietà di regimi di trattamento.

Il più comune è la ricezione:

dal 5 ° giorno del ciclo:

  • acido folico, 0,001 g, 3 volte al giorno per 10 giorni;
  • Vitamina E 0,1 g per 10 giorni;
  • acido glutammico 0,25 g 3 volte al giorno, 10 giorni;
  • Vitamina B6 - 5% rr 1,0 mg per os a digiuno ogni giorno, 10 giorni;

dal 16 ° giorno del ciclo:

  • acido ascorbico, 1,0 g una volta al giorno, 10 giorni;
  • Vitamina E 0,1 g 10 giorni al giorno;

Il corso si svolge per 3 cicli, quindi 1 mese di pausa, quindi è possibile ripetere per altri 3 cicli.

Vitamine durante la gravidanza

L'unica fonte di vitamine e microelementi del feto è il corpo della madre.

Secondo molti studi, quasi ogni donna ha una carenza di alcune vitamine durante la gravidanza.

Nella maggior parte dei casi, le donne incinte iniziano a consumare grandi quantità di verdure e frutta contenenti vitamine A, C, E. Allo stesso tempo, aumenta la carenza di vitamine del gruppo B contenute nei prodotti animali.

La mancanza di vitamine è dovuta anche all'uso di prodotti ipercalorici, ma poveri di sostanze nutritive: pane bianco, pasta, dolciumi, nonché elementi della cultura alimentare (vegetarismo, divieti religiosi) e cibo monotono.

Una carenza di sostanze necessarie può portare a gravi menomazioni nello sviluppo del feto.

Molti studi hanno dimostrato che la carenza di acido folico porta a malformazioni del sistema nervoso, la formazione di fessure roto-facciali.

La mancanza di vitamine C, B2, B12 contribuisce allo sviluppo dell'anemia e della vitamina B6 alla formazione di tossicosi precoce e alla minaccia di aborto.

Ma dobbiamo ricordare che, come qualsiasi altra droga, è possibile overdose di vitamine.

È dimostrato che la dose giornaliera di vitamina A non deve superare i 6600 UI. Un dosaggio di oltre 10000 ME al giorno porta a deformità congenite del feto.

Per eliminare il deficit, in primo luogo, dovrebbe essere adeguatamente organizzata la dieta.

La difficoltà in questo, in primo luogo, sta nel fatto che la maggior parte delle vitamine viene distrutta dal trattamento termico o dagli enzimi nei prodotti stessi. Ad esempio, più di 3/4 di vitamina C in un limone viene distrutta dall'azione dell'enzima ascorobinasi, che è anche lì. Fino al 20% di vitamina B2, il 30% di vitamina B1 e il 50% di vitamina B3 vengono distrutti quando riscaldati.

Pertanto, i complessi multivitaminici sono necessari come aggiunta ad una dieta equilibrata.

Ma non dimenticare che le vitamine sintetiche sono gli stessi farmaci e dovrebbero essere assunte solo su prescrizione, specialmente durante la gravidanza.